Cerca

Il figlio del boss a Porta a Porta

Intervista a Salvo Riina: Dall'Orto scarica colpa su Verdelli

"Dall’1 settembre l’intento è di riuscire  ad avere una supervisione dei lavori a priori sui contenuti  giornalistici, ovunque siano". Lo ha detto il dg Rai, Antonio Campo  Dall’orto, ascoltato dalla Commissione Antimafia all’indomani  dell’intervista a Salvo Riina a 'Porta a porta'. "Verdelli -aggiunge il dg- nel caso di ieri ha deciso su un contenuto  che è arrivato sul suo tavolo. Domani invece (alla fine quindi della  fase di transizione in atto, ndr) sarà una decisione presa su un  contenuto deciso insieme alla direzione informazione. Questo è il  salto: agire all’origine". 

Campo Dall’Orto ha spiegato, in particolare, che "la  decisione di far nascere la direzione informazione è venuta alla luce  dopo il caso Casamonica e dopo i fatti di Parigi, perchè non è  pensabile avere divisioni tra l’informazione e l’infotainment". Al  momento "siamo in una fase di transizione nel senso che abbiamo deciso prima di occuparci dell’informazione giornalistica in senso stretto
(di qui la nascita della direzione guidata da Verdelli, ndr) e cioè  delle testate giornalistiche e poi dal primo settembre abbiamo deciso  di riuscire ad avere -ha ribadito il dg- una supervisione a priori sui contenuti giornalistici ovunque siano".

"Io credo che noi, come principale editore del Paese -ha sottolineato  Campo Dall’Orto- portiamo avanti una lotta alla mafia con grande  passione. Oggi abbiamo portato qui in commissione Antimafia una  cartella che dà conto proprio di quanto abbiamo fatto in questi ultimi otto mesi sul tema. E questo per dire che la decisione di ieri  (l’intervista a Salvo Riina su Raiuno, ndr) si inserisce nel contesto  di un’azienda che non ha dubbi su quale posizione prendere". Campo Dall’Orto, infine, ha tenuto ad evidenziare che Verdelli ieri  "ha ritenuto che l’intervista a Salvo Riina fosse giornalisticamente  difendibile poichè era il racconto di una parte della mafia non  scontata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog