Cerca

Ruote bucate

Bersani si gioca il padre per Grillo:
"Io sono figlio di un meccanico
non sono un miliardario come lui"

Il 20 per cento del Movimento Cinque Stelle fa paura. Il segretario del Pd non sa che fare per fermarlo e mette sul piatto la storia della sua famiglia per un pugno di voti

Pierluigi Bersani

Bersani piange a "Porta a Porta"

La sfida per la campagna elettorale si gioca anche dal meccanico. Già perchè Pier Luigi Bersani per fermare la corsa di Beppe Grillo non sa più che fare e tira in mezzo anche suo padre: "Io non sono un uomo solo al comando, mi sono messo in gioco, ho fatto le primarie con più di tre milioni di persone, giro per strada e guardo la gente in faccia. A differenza di Grillo che urla, non scappo davanti a una domanda. Lasciamo stare perbacco: son figlio di un meccanico non sono un miliardario".

Attacco ai Cinque Stelle -  Bersani attacca senza mezzi termini il leader del Movimento a Cinque Stelle e lo accusa di tenere toni da insulto nei suoi comizi: "Io non mi preoccupo degli insulti a me, quelli vanno e vengono, mi preoccupo dei figli suoi o miei. Non dico che siamo innocenti ma ci siamo messi in gioco e abbiamo capito più di altri il problema". Bersani è ormai alla frutta. Prima parla di scouting in parlamento tra i futuri onorevoli e senatori a Cinque Stelle e poi attacca Beppe. Però all'idea di portare qualche grillino dalla sua parte non ci rinuncia e ribadisce: "Quando dico scouting dei parlamentari eletti con Grillo non intendo compravendita di parlamentari come ha fatto Berlusconi - ha spiegato il leader Pd ai microfoni di Uno Mattina - voglio dire che verificheremo se discuteranno dei problemi del Paese o aspetteranno gli ordini da fuori".

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lapolide

    23 Febbraio 2013 - 11:11

    Il Titolo dell'articolo "Bersani...si gioca il padre per Grillo: "Io sono figlio di un meccanico ecc, ecc, mi ricorda una frase in voga ai miei lontani tempi di Scuola che così reitava: "Quando un Uomo politicamente impegnato, si abbassa al punto da manifestare in pubblico le sue origini, siano esse di basso o alto lignaggio, è come se andasse alla ricerca di conseguire un facile riscontro di applausi o di compatimento, perchè in difficoltà, non accorgendosi che così facendo denuncia però, anche tutta la sua fragilità e credibilità di futuro "Leader" a cui evidentemente aspira". lapolide

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    23 Febbraio 2013 - 06:06

    col PDL toglieranno via l'imu e rinborseranno quella del 2012 che con probalita aumenterebbe le pensione minnime a me piace

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    23 Febbraio 2013 - 06:06

    bersani vuol vincere le elezioni zenza dire cosa fara l'imu rimarra non a mai negato di non fare la patrimoniale le tasse non le diminuira perche non sono allaltezza e voi volete ilvoto ma voi siete matti io il voto al pd non lo daro e voi?auguri

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    22 Febbraio 2013 - 15:03

    .... è meglio la battuta sulle bambole da pettinare o quella dei giaguari da smacchiare perché questa del meccanico e del miliardario NON fa proprio ridere, anzi ....mi viene un dubbio: ma sei proprio sicuro d’essere capace di governare?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog