Cerca

La decisione

L'Austria alza un muro contro l'Italia

L'Austria alza un muro contro l'Italia

Vienna ha annunciato l’avvio della  costruzione di una barriera al confine italiano del Brennero. Il quotidiano Il Tempo in edicola oggi, 11 aprile, ha intervistato Benita Ferrero-Waldner. A lungo  ministro degli Esteri e diplomatica, spiega che la chiusura delle frontiere è “una manovra difensiva ma tutto sommato prevista dai Trattati se temporanea. Ma serve una grande assemblea, come sessanta anni fa, e "quote" da distribuire in base alla popolazione e al Pil, che coinvolgano Sudamerica, Canada...”.  Spiega che “l'Austria è  un paese di 8 milioni di abitanti, ha accolto l' anno scorso 90.000 rifugiati, oltre il 10% della sua popolazione; e nel 2016 già 37.500”.  La diplomatica spiega al Tempo che la risposta austriaca è la conseguenza “della mancanza di solidarietà dimostrata da diversi Stati membri, che si sono rifiutati di accettare la ricollocazion", la distribuzione tra gli stati membri dei rifugiati. Interpreto l' azione austriaca come auto -difensiva. A volte situazioni straordinarie e di emergenza provocano risposte altrettanto straordinarie e di emergenza”. 

Estremismo islamico - Sostiene che tutti gli Stati europei avrebbero dovuto farsi carico prima del problema.  Secondo la Ferrero Waldner questa crisi di rifugiati senza precedenti nasce dalla guerra in Siria e dalle azioni del Daesh.  Per quanto riguarda la minaccia del fondamentalismo,  nella sua lunga intervista a Il Tempo la diplomatica spiega che  “Questa è certamente la sfida peggiore che ci troviamo ad affrontare dalla seconda guerra mondiale. L' Europa deve trovare un punto d' incontro ,lavorare per una politica estera e di sicurezza comuni e cooperare con le altre nazioni democratiche nella lotta ai terroristi su tutti i fronti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frateindovino

    12 Aprile 2016 - 14:02

    non me la sento di banalizzare il tutto condannando l'Austria, penso piuttosto al fallimento dell'unione europea, smettiamola con questa farsa che ha ridotto tutti sul lastrico, gli immigarati non li vogliamo, punto! ....male hanno fatto i big , il nero americano, il francese, e la tedesca, a non capire l'importanza della questione a suo tempo.

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    12 Aprile 2016 - 13:01

    suddividere x PIL,noi dovremmo stare tranquilli xchè è piuttosto basso, questa accoglienza suddivisa in tanti stati è come il domicilio coatto che venne applicato ai mafiosi(tanti anni fa) che ha rovinato il ns paese.andando avanti di questo passo anche noi italiani potremmo diventare "migranti economici", ma penso che nessuno ci darebbe un aiuto

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    12 Aprile 2016 - 10:10

    pazzesco adesso fanno dell'italia un grande campo per qualche rifugiato, ma soprattutto migliaia di clandestini, recintato e con tanto filo spinato e.... teneteveli li!!! chissà il nostro grande statista se la smette di andare a spasso per il mondo a trastullarsi e incomincia a pensare al suo paese??? figuriamoci! non sa cosa dire e non sa cosa fare, allora meglio scappare fino che posso!

    Report

    Rispondi

  • mab

    12 Aprile 2016 - 10:10

    Benissimo, mica sono idioti come noi. C'è solo da sperare che se eventuali terroristi compiono attentati da noi, siano i responsabili o i loro familiari a pagarne le conseguenze per questa accettata invasione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog