Cerca

Occhio alle liste

Rosy Bindi, la lente dell'Antimafia sui candidati alle Comunali di Roma

Rosy Bindi, la lente dell'Antimafia sui candidati alle Comunali di Roma

Le mani (e gli occhi) di Rosy Bindi sulle liste dei candidati alle Comunali di Roma. Forse non poteva essere altrimenti: l'Antimafia valuterà nomi e precedenti di chi vorrà sedere al Campidoglio dopo la tempesta di Mafia Capitale, ma si preannunciano già nuove polemiche, sulla scia di quanto accaduto lo scorso anno per le Regionali. E a esplodere potrebbe essere nuovamente il "suo" Pd, uscito con l'immagine macchiata dallo scandalo romano. Nel 2015 fu il futuro governatore dem della Campania Vincenzo De Luca ad attaccare a testa bassa la Bindi, che lo aveva inserito nella lista degli impresentabili. 

La Bindi (ancora) all'attacco - "Il Governo avrebbe il tempo per sanare alcune situazioni con un provvedimento urgente - ha spiegato la Bindi, presidente della commissione Antimafia -, al di là degli strumenti che l’Antimafia possiede, le istituzioni del Paese non hanno gli strumenti anche solo per applicare la Severino: manca un casellario giudiziario dei carichi pendenti, manca una banca dati candidati, degli eletti e loro situazione giuridica. C'è poco tempo a disposizione per le commissioni elettorali per valutare le autocertificazioni dei candidati". "Adesso le Commissioni elettorali hanno 48 ore per valutare le candidature, noi chiediamo che quel tempo sia di una settimana", ha annunciato la Bindi, che ha chiesto anche "la presenza del magistrato nelle commissioni elettorali per gli enti locali" e che "i candidati presentino un certificato penale, invece la legge oggi prevede l'autocertificazione. Chiediamo, inoltre, che non ci sia l'obbligo che il presidente di seggio sia del Comune dove si tengano le elezioni: in alcune realtà questo è una istigazione alla complicità, vorremmo togliere questo obbligo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Yossi

    14 Aprile 2016 - 09:09

    Non mi angustierei più di tanto poiché quello che dice non conta nulla; l esempio classico e quello del presidente della regione Campania, lei ha chiacchierato fatto numerose riunioni, a spese del contribuente, conferenze stampa e tanto boa bla bla bla, risultato : il personaggio è ancora lì e noi paghiamo carissime le inutili chiacchiere

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    14 Aprile 2016 - 01:01

    Rosy.....quando verrà convocato.....quella specie di premier ?

    Report

    Rispondi

  • nordest

    13 Aprile 2016 - 20:08

    Se mettono ancora la Bindi siamo proprio alla frutta.

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    13 Aprile 2016 - 19:07

    Ma cosa vogliono controllare se son loro i più grandi e delinquenti mafiosi d'Italia??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog