Cerca

Altissima tensione

Bagarre al Senato, Gasparri: "Caro Napolitano...". La frase che ha fatto infuriare Re Giorgio

Bagarre al Senato, Gasparri:

"Caro Napolitano, io penso che i tempi per una riforma delle intercettazioni fossero maturi anche qualche anno fa". Su queste parole di Maurizio Gasparri si scatena la bagarre al Senato, perché l'attacco, pur garbato e misurato, non va giù a molti sugli scranni della sinistra. Compreso Re Giorgio.

"Io D'Ambrosio non lo dimentico" - Si sta discutendo la mozione di sfiducia al governo Renzi per l'inchiesta di Potenza ma il discorso scivola rapidamente sulla legittimità delle intercettazioni e soprattutto delle loro pubblicazioni. Il senatore a vita e presidente emerito Giorgio Napolitano lunedì aveva definito "urgente" l'approvazione della norma di delega sulle intercettazioni per "mettere un freno ad arroccamenti e contrasti, invasione di campo e strumentalizzazioni politiche". Poi, in Transatlantico, si concede un riferimento amaro e commosso al suo collaboratore Loris D'Ambrosio: "In passato ci sono stati casi gravi di montature scandalistiche e giornalistiche contro persone che hanno ricevuto un avviso di garanzia e poi sono state totalmente scagionati, ma hanno pagato un prezzo altissimo dal punto di vista personale e della vita privata". "Vengono anche pubblicate intercettazioni manipolate, pezzi di conversazioni estrapolate dal contesto - ha spiegato ancora l'ex presidente - come è successo al mio consigliere D'Ambrosio, che ci ha rimesso la pelle con un attacco cardiaco. E io certe cose non le posso dimenticare".

Bagarre a Palazzo Madama - In aula però la discussione è continuata, e il forzista Gasparri ha chiamato in causa lo stesso Napolitano, che è rimasto spiazzato e stupito dall'accusa dell'ex ministro obbligando addirittura la presidente di turno Valeria Fedeli, del Pd, a richiamarlo invitandolo all'ordine. "Non accettiamo - ha concluso Gasparri - lezioncine da questi Marchesi del Grillo, non accettiamo doppiopesismo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • garfanhotto

    21 Aprile 2016 - 00:12

    Napolitano finchè c'era da silurare Berlusconi si faceva in quattro e gli andava bene tutto, ora mette sempre la lingua dove non deve, che vaada a fare in k...!

    Report

    Rispondi

  • begeca

    20 Aprile 2016 - 14:02

    se è sicuro che erano manipolate deve fare nomi e cognomi di chi le ha manipolate

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    20 Aprile 2016 - 13:01

    purtroppo ci troviamo sotto una enorme cappa di parassiti che ci stanno dissanguando.la cosa grave è l'incapacità a liberarci.

    Report

    Rispondi

  • emo

    20 Aprile 2016 - 09:09

    come brucia il kuletto a questi "onesti"(diversamente) di sx specialmente poi se si tocca il loro totem cariatide e diabolico, no costui sebbene sia il principale artefice del disastro italiano è intoccabile ma si capisce bene il perchè infatti se parla lui per i sx è la fine del mondo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog