Cerca

L'intervista

Romano Prodi: "Draghi ha finito le munizioni"

Romano Prodi

Romano Prodi

"La Banca centrale ha capito il pericolo di una stagnazione prolungata e fa di tutto per evitarle. Ha evitato il disastro, ma ha esaurito le sue munizioni. Il pericolo della stagnazione è ancora di fronte a noi". È quanto dichiara in un’intervista al Corriere della Sera l’ex premier Romano Prodi, secondo cui "se continuiamo con la distruzione della classe media e l’accumulazione della ricchezza nella classe più elevata, che non consuma, costruiamo la stagnazione secolare". "L’Europa - fa notare Prodi - è parzialmente uscita dalla crisi e così anche noi che, con una previsione di crescita tra l’1 e 1,2%, rimaniamo tuttavia in coda al gruppo, dopo avere perso quasi il 20% della nostra capacità produttiva. Si è invertita la tendenza negativa ma, con questi dati, non è possibile risolvere il problema dell’ occupazione. E chiaro - prosegue Prodi - che uno scatto decisivo che ci faccia affrontare il problema dell’ occupazione si può fare solo con una politica europea diversa. Che non c’è". "La colpa - aggiunge - non è dei trattati ma di una politica sbagliata. La Germania ormai da molti anni applica e fa applicare una politica di austerità che non è adatta alla situazione di depressione in cui ci troviamo. Cresce poco lei e fa crescere ancor meno noi. Francia, Italia, Spagna che hanno interessi comuni per una politica diversa non riescono a mettersi d’accordo tra loro. Tant’è vero che l’ unica struttura europea che funziona come tale, la Banca centrale europea, sta facendo una politica alternativa". In Italia "di tutte le riforme quella che ci può salvare - dichiara Prodi - è la riforma della burocrazia»; moltiplichiamo i controlli e le proibizioni: "questa è la paralisi italiana". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    23 Aprile 2016 - 12:12

    Con un personaggio del genere....Sarebbe come trombare la moglie con il preservativo bucato sperando di non riempirla.Meglio che se ne stia zitto.Porta sfiga.E meno male che è un economista.

    Report

    Rispondi

  • Leopard47

    22 Aprile 2016 - 17:05

    Sono tutti cattocomunisti devono mangiare solo loro sto porci!! Ricordo quando a lasciato Berlusconi ad oggi il debito pubblico sia aumentato di circa dico circa 200 miliardi bruscolini! !!!

    Report

    Rispondi

  • gianni1946

    gianni1946

    22 Aprile 2016 - 17:05

    Questa faccia da Mortadella è quello che ha incominciato a distruggere la nostra economia,, è normale che ora faccia delle previsioni,,,

    Report

    Rispondi

  • ficaccio10

    22 Aprile 2016 - 14:02

    ma sta faccia de cazzo ancora parla? Ha rovinato l'Italia con l'euro, ha rubato per 30 anni, dorme in piedi, ruba 2/3 pensioni senza alcun diritto e ancora lo state a sentire? Ci ha rovinato. FANCULO , mortadella senza pistacchi.

    Report

    Rispondi

    • cosimo.sgura

      22 Aprile 2016 - 21:09

      Parla chi ha svenduto l'IRI ai privati con le conseguenze che sappiamo.In cambio di queste operazioni ha taciuto sull'entrata in vigore dell'Euro nel periodo peggiore e con un debito pubblico abnorme.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog