Cerca

L'intervista

"Né donne né soldi: cosa farà cadere Renzi", la previsione di Bisignani sul premier

"Renzi non cadrà per mano della giustizia e delle inchieste", ne è convinto Luigi Bisignani che parla ad  Affaritaliani.it del confitto tra il premier e magistratura. Secondo l'uomo chiave della P4, non saranno né le donne né i soldi a far saltare il governo di Renzi. Spiega: "Certamente c'è una grande curiosità per gli uomini e le donne che stanno intorno al premier e per tutte le sue azioni, ma da questo punto di vista Renzi come persona può stare tranquillo. E' esattamente come abbiamo scritto io e Paolo Madron nel libro 'I potenti al tempo di Renzi' ovvero quello che lo stesso presidente del Consiglio dice sempre: 'Sui soldi e sulla figa non mi faranno cadere mai'. E penso che sia proprio così perché è uno che ci sta molto attento. Fa una vita tranquillissima. Dopo più di due anni di governo credo proprio che abbia ragione. Ovviamente - spiega Bisignani - continuerà a perdere pezzi e lo attaccheranno, ma secondo me lui personalmente dal punto di vista giudiziario è totalmente immune".


La previsione - Dopo questa premessa, Bisignani spiega: "Renzi può cadere però con il referendum di ottobre sulle riforme. Deve stare attento alla politica e non ai magistrati. I pm e i giudici servono a creare quel clima che gli oppositori politici utilizzeranno per farlo innervosire e il rischio è che questo attacco in funzione del referendum, che gli arriva dalla politica e che si riverbera sulle inchieste ingigantite e presentate in modo diverso dai giornali, gli facciano perdere la pazienza e quindi un po' di consenso. Ma Renzi come persona fisica non cadrà per mano della Magistratura".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gescon

    25 Aprile 2016 - 14:02

    Sarà la sua stessa arrogante incapacità, il suo modo stolto di non affrontare e risolvere i problemi della gente, la salvaguardia assicurata a sodali e parenti per farla franca, il debito pubblico che ha concorso a far lievitare, l'aumento della pressione fiscale che ha promosso, la modifica della costituzione fatta a proprio uso e consumo, l'incapacità di attivare gli automatismi per generare economia. Soprattutto il fatto di non essere democratica la sua nomina. Per questo quanto prima il giovanotto se lo prenderà nel culo con soddisfazione unanime.

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    25 Aprile 2016 - 14:02

    ecco un'altro profeta di merda.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    25 Aprile 2016 - 13:01

    Il bullo resterà in piedi...fino a quando il puparo Napolitano lo vorrà !

    Report

    Rispondi

  • aifide

    25 Aprile 2016 - 13:01

    Solo se incappera' in magistrati amici o compiacenti non cadrà per via giudiziaria. Già la sua propaganda per l'astensione sarebbe penalmente perseguibile. Farà counque una brutta fine insieme alla sua cricca.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog