Cerca

Disastro democratico

Un'altra bomba sul Pd di Renzi: il super-big indagato per camorra / Foto

Stefano Graziano

Un'altro disastro in casa Pd: secondo quanto si è appreso, sarebbe indagato il presidente del Pd in Campania e consigliere regionale, Stefano Graziano. Il politico di spicco sarebbe finito nel mirino nell'ambito dell'inchiesta della Dda di Napoli, coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, che ha portato all'esecuzione di nove ordinanze di custodia cautelare: i carabinieri hanno disposto perquisizioni a Roma e Teverola, provincia di Caserta; tra i luoghi setacciati la casa di Stefano Graziano. Nell'indagine è coinvolgo anche l'ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere, Biagio Di Muro.

Secondo le prime notizie, l'ipotesi di reato formulata nel decreto di perquisizione nei confronti di Graziano è quella di concorso esterno in associazione camorristica. Al vaglio degli inquirenti, tra l'altro, ci sarebbe il presunto appoggio alla sua elezione da parte dell'imprenditore della ristorazione Alessandro Zagaria, finito in manette oggi nell'ambito della medesima inchiesta. Insieme a Di Muro, finito in cella, i carabinieri e i finanzieri hanno arrestato anche Roberto Di Tommaso, funzionario del Comune casertano, per il quale il gip di Napoli ha disposto i domiciliari.

Nel dettaglio, l'inchiesta riguarda l’appalto per i lavori di consolidamento di Palazzo Teti, immobile situato in via Roberto D’Angiò confiscato al padre dello stesso primo cittadino, Di Muro. La gara, che negli anni ha subito vari rallentamenti, secondo l’ipotesi accusatoria della Dda di Napoli, sarebbe stata vinta da un raggruppamento di imprese ritenuto vicino al clan guidato da Michele Zagaria. Già nel luglio 2015 l’ex sindaco, in carica fino a pochi mesi fa, fu oggetto di una perquisizione. Nell'inchiesta, secondo le indiscrezioni, la figura chiave sarebbe proprio Alessandro Zagari: l'imprenditore è ritenuto l'anello di congiunzione tra l'amministrazione e il clan guidato dal boss dei casalesi, soltanto omonimo, Michele Zagaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aaronrod

    27 Aprile 2016 - 06:06

    il pd ha tessere perchè vengono proposte da amici agli amici.......altrimenti che gente è? Nulla di più dei predecessori. La politica verrá rispettata nel momento in cui si taglieranno pensioni a senatori, magistrati in pensione, stipendi parlamentari etc etc. Proviamo a farli campare a 1500 euro al mese sti stron...

    Report

    Rispondi

  • gescon

    26 Aprile 2016 - 22:10

    Sì tratta solo di un compagno che sbaglia. Come si fa a dubitare che non ci sia l'autoproclamata superiorità morale.

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    26 Aprile 2016 - 21:09

    Pd e m5s arrestateli tutti, tanto sono incapaci ladroni e comunisti..........

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    26 Aprile 2016 - 16:04

    non cadde nemmeno una lira dalle tasche a colui che fu appeso a testa in giù a piazzale Loreto.

    Report

    Rispondi

    • Pinkalikoi

      27 Aprile 2016 - 06:06

      x boss1, E lo credo: Il tesoro era tutto al suo seguito nei famosi forzieri "dell'Oro di Dongo", una parte del quale è rimasta nelle mani dei partigiani ed una parte è ancor oggi nei caveau della Banca d'Italia. Per stare nelle sue tasche avrebbe dovuto avere tasche delle dimensioni di un camion...

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog