Cerca

L'intervista a Radio 1

L'ultimatum di Berlusconi agli alleati: la frase che li mette spalle al muro

L'ultimatum di Berlusconi agli alleati: la frase che li mette spalle al muro

Parla Silvio Berlusconi. In un'intervista a Radio 1, il leader di Forza Italia spiega cosa è successo, cosa lo ha spinto a cambiare rotta e puntare su Marchini. Precisa: "Bertolaso non l'ho sacrificato, è stato Bertolaso che con assoluta generosità è venuto da me e si è fatto da parte, pur restando a disposizione per una eventuale amministrazione nostra con Marchini". Poi spiega le mosse del centrodestra: "Marchini ha le stesse nostre posizioni moderate e liberali con lui c’è possibilità di vincere".

Poi parla delle critiche da parte degli alleati: "A loro dico che non mi aspettavo tanta durezza, io tanta durezza non l’ho mai praticata tanto meno verso gli alleati. Se restiamo divisi - ha aggiunto - non c'è nessuna possibilità di vincere le politiche. Restando divisi restiamo assolutamente ininfluenti e consegniamo il Paese alla sinistra. Uniti si vince, divisi perdiamo". E ancora: "Non esiste nessun centrodestra possibile e vincente senza di noi. Per vincere dobbiamo ritrovare tutti insieme quei voti moderati che abbiamo smarrito. In altre città andiamo divisi ma si tratta di amministrative e se restiamo divisi non c’è possibilità di vincere le politiche e rischiamo di consegnare il paese al governo di sinistra. Divisi perdiamo. Non c’è un centrodestra vincente senza di noi, sarebbe solo di testimonianza e per vincere invece dobbiamo ritrovare i voti dei moderati". Poi il Cav aggiunge: "Il centrodestra l'ho inventato io, non c'era mai stata una alleanza durata tanti anni e che dura ancora. Siamo insieme dal '94 e solo quando ci siamo presentati uniti abbiamo avuto la maggioranza". E per quanto riguarda  un possibile nuovo patto del Nazareno: "Un nuovo patto del Nazareno? Nulla di più lontano dal vero, noi dobbiamo porre fine al governo di Renzi, un governo illegittimo e abusivo che è contro il voto del popolo. Noi dobbiamo mettere fine all’emergenza democratica quindi una decisione su Roma non cambia questo atteggiamento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pastello

    30 Aprile 2016 - 14:02

    Il nuovo partito di Nicolazzi ( già forza Italia ) ha parlato.

    Report

    Rispondi

  • andymaga

    30 Aprile 2016 - 11:11

    E' proprio triste vedere quello che sbaragliò la gioiosa macchina da guerra essere ridotto a raccontare frottole per cercare di restare ancora a galla, ma le prossime votazioni di Roma e solo di Roma, testimonieranno che gli elettori di FI non si fanno condurre come pecore sacrificali sull'altare di Marchini, finanziatore dell'UNITA', ma apprezzeranno le posizioni di Giorgia Meloni prossimo sindac

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    29 Aprile 2016 - 14:02

    i familiari tifano renzi,

    Report

    Rispondi

  • ammunition

    29 Aprile 2016 - 14:02

    qui sotto ci sono dei poveri bischeracci che hanno sbagliato giornale, volevano il fatto l'unita o repubblica quewsto è Lbero non fa per voi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog