Cerca

Lo schiaffo

Giorgia Meloni e Matteo Salvini a Berlusconi: "Ci vediamo alle urne"

Salvini Meloni

Silvio Berlusconi ha offerto un ramo d’ulivo alla candidata sindaco di Roma Giorgia Meloni. Ma la leader dei Fratelli d’Italia ha dato il due di picche al Cavaliere. "Se restiamo divisi non c'è nessuna possibilità di vincere le politiche – ha spiegato il leader di Forza Italia ai microfoni di Radio 1 - Restando divisi restiamo assolutamente ininfluenti e consegniamo il Paese alla sinistra. Uniti si vince, divisi perdiamo". Poi, ha lanciato un appello agli ex alleati: "Non esiste nessun centrodestra possibile e vincente senza di noi. Per vincere dobbiamo ritrovare tutti insieme quei voti moderati che abbiamo smarrito".

Ma l’appello è caduto nel vuoto. A Meloni e Salvini ormai non interessa più la mano tesa di Berlusconi. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la scelta del leader di Fi di appoggiare Alfio Marchini, come candidato sindaco di Roma, dopo aver ritirato la candidatura di Guido Bertolaso. "Dopo quello che è successo a Roma, cambia tutto. Nulla è più scontato alle Politiche", così il leader della Lega Nord ha annunciato che d’ora in poi andrà alle politiche senza Forza Italia. La rottura è consumata.

Anche per Giorgia Meloni il tempo dell’unità è finito. Dopo diversi tentativi andati a vuoto, adesso la candidata sindaco non cerca più l’appoggio di Fi: “Io mi sono candidata per amore, l'ho fatto in gravidanza. Ho fatto un milione di appelli per l'unità. Prima mi hanno insultato dicendo 'stai a casa con quella panza ma dove vai' e poi favorendo la sinistra. Ci vediamo alle urne e poi riparleremo". Sulla scelta di appoggiare Marchini, la leader di Fdi commenta: "Marchini al ballottaggio non ci arriva. L'operazione di Berlusconi serve a favorire Giachetti, i numeri dicono che l'unico obiettivo serio di questa operazione è quella non di vincere. Vuol dire far vincere la sinistra".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    30 Aprile 2016 - 13:01

    Se i romani sono scemi avranno modo di dimostrarlo alle urne.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    29 Aprile 2016 - 13:01

    Se - come è sempre stato - dell'intrigo politici, si conosce solo 1/5 della verità, allora l'operazione di Berlusconi serve a favorire Giachetti, far contento Renzi e aspettare la contropartita. Non c'è né destra né sinistra, ma solo un gioco di potere che - come tale - è costretto a fregarsene della democrazia.

    Report

    Rispondi

  • Piranhaottavo

    29 Aprile 2016 - 13:01

    Come successo in altre circostanze e sedi . . Berlusconi ( come in Liguria ) volevasi ancora avvalere ( come portatori d'acqua ) dell'attuale forza elettorale della Lega per inserire un Suo uomo di carta a Roma e fare peggio di quel che già successo , inserendo i suoi Picciotti al servizio del gran Ducato di Arcore & Toscana !

    Report

    Rispondi

    • filadelfo

      29 Aprile 2016 - 15:03

      Ma che percentuale di votanti Lega ha Salvini a Roma? Mi sembra da prefisso telefonico. E dove vuole andare lui e l'altra che ne è sostenuta con questi numeri? Si sono montati la testa. Prima combinano pasticci, ritirando la parola data, e adesso pretenderebbero che Forza Italia li sostenga. Siamo a Roma e allora non si può non dire: ma annate a magnà er sapone...

      Report

      Rispondi

      • debant

        29 Aprile 2016 - 19:07

        La stessa % di FI. Solo che la Meloni è oltre il 20%, prenderà buona parte dei fuoriusciti di FI, prenderà i voti di coloro che non andavano più a votare, per colpa degl'inciuci di Berlusconi. E andrà mal ballottaggio.

        Report

        Rispondi

  • c.camola

    29 Aprile 2016 - 12:12

    Hanno ragione iil Cav. sta aiutando la sinistra con una sinistra decisione.

    Report

    Rispondi

blog