Cerca

L'imbeccata

Marchini sbianchetta il curriculum come la Raggi

Marchini sbianchetta il curriculum come la Raggi

Per la corsa a sindaco di Roma lo strumento più utilizzato dai candidati sembra essere il bianchetto, di cui si è fatto buon uso per espungere dal proprio curriculum la parte che oggi potrebbe creare problemi. Virginia Raggi ha sbianchettato quell’annetto alla presidenza di HGR, la società posseduta e amministrata da Gloria Rojo che prima (all’Unire) e dopo (in Ama) quell’anno era stata assistente di Franco Panzironi, il fund raiser di Gianni Alemanno. Il bianchetto è stato usato anche da Alfio Marchini, che ha preferito cancellare ogni traccia del rapporto con Massimo D’Alema…Marchini ha espulso il povero lìder Maximo perfino dalla Fondazione ItalianiEuropei, il think thank di cui entrambi fanno parte, preferendo associare il suo nome solo a quello di Giuliano Amato, che sicuramente è più spendibile ora con il nuovo alleato Silvio Berlusconi. Amato fu in effetti il primo presidente della fondazione (eletto il 3 febbraio 2000), ma solo perché D’Alema all’epoca era premier e non poteva farlo. Pochi mesi dopo (il 10 maggio 2000) infatti si passarono il testimone. Marchini era lì però proprio per la sua amicizia storica con D’Alema, che più volte ha rischiato di essergli di inciampo.

Come nel 1994, quando con Berlusconi a palazzo Chigi il giovane Alfio fu scelto dal presidente della Camera Irene Pivetti (su consiglio dell’allora suo portavoce Renato Farina) che lo nominò consigliere di amministrazione della Rai. Il cavaliere storse il naso, e fu proprio D’Alema a spiegare perché. “Pare”, disse alle agenzie, “che una delle ragioni che hanno turbato Berlusconi, che ha chiamato a Napoli il presidente del Senato e ha bloccato le nomine Rai con un atto palesemente illegale, è che tra le persone indicate c’è uno che viene accusato di essere mio amico, Marchini. Lo conosco, non è un reato grave…”.

Si conoscevano, e anche qualcosa di più. Perché Marchini negli anni ha sempre finanziato più che il partito, D’Alema stesso ogni volta che correva alle elezioni. Gli diede 20 milioni di lire alle amministrative del 1997, e secondo le cronache dei finanziamenti alla politica, risulta un altro versamento diretto al lìder Maximo da 15 mila euro nel 2004. Ma anche di questi contributi non c’è traccia nella story-telling di Marchini politico in queste ore. E si capisce: non è esattamente il migliore biglietto da visita per correre in compagnia del Cav e nemmeno di Francesco Storace…

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    02 Maggio 2016 - 09:09

    Marchini è solo un riciclato del Partito Comunista. E Berlusconi lo sa benissimo. Ma il risentimento verso Meloni, che ha abbandonato il partito e si è creata una sua personale credibilità di destra, oltre agli interessi aziendali sintetizzati dal deleterio Patto del Nazareno, sono più forti di ogni altro ragionamento. Un puntiglio personale ne ha fatto il LiderMaximo del centro-sinistra.

    Report

    Rispondi

  • demaso

    01 Maggio 2016 - 19:07

    La famiglia Marchini sono stati sempre palazzinari con il cuore e interessi a sinistra e ora vogliono fare i verginelli e fare così favori a Berlusconi ed a renzi, ma sicuramente marchini non fa gli interessi dei romani!

    Report

    Rispondi

  • demaso

    01 Maggio 2016 - 19:07

    Chi vuol bene a roma sicuramente non può votare un tizio come marchini che ha cementificato roma insieme alla sua famiglia comunista e comunque da sempre di sinistra e anche finanziatori per ottenere favori da d'alema e soci!

    Report

    Rispondi

  • demaso

    01 Maggio 2016 - 19:07

    La famiglia Marchini sono stati sempre palazzinari con il cuore e interessi a sinistra e ora vogliono fare i verginelli e fare così favori a Berlusconi ed a renzi, ma sicuramente marchini non fa gli interessi dei romani!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog