Cerca

Il libro

"Secondo Matteo". Dallo scontro con Formigoni al quasi-linciaggio: Salvini si racconta

"Secondo Matteo". Dallo scontro con Formigoni al quasi-linciaggio: Salvini si racconta

Sarà disponibile giovedì 5 maggio il primo libro di Matteo Salvini, Secondo Matteo, edito da Rizzoli e scritto con i giornalisti Matteo Pandini di Libero e Rodolfo Sala, fresco di pensione a Repubblica. In circa 240 pagine (costo: 17€) il leader leghista racconta la sua vita e i suoi progetti senza risparmiare bordate a Renzi e Berlusconi. Il volume rischia di infiammare ulteriormente il dibattito in seno al centrodestra, nel bel mezzo dello strappo per le Comunali di Roma.

Nel libro, Salvini racconta parecchi aneddoti (tra cui un violento scontro con Formigoni, all'epoca governatore lombardo e il primo rendez-vous col Rottamatore) e conferma di voler puntare seriamente Palazzo Chigi, pronosticando il voto nel 2017. Tra le altre cose, il leader leghista spiega il suo rapporto con Maroni, Bossi e Marine Le Pen e svela quando fu quasi linciato da alcuni studenti di sinistra ai tempi del liceo. Ma se a scuola se la vide brutta, allo stadio non andò meglio: il tifoso milanista Salvini, in trasferta a Bergamo, subì una memorabile sassaiola da parte dei tifosi atalantini. Gli scontri furono così aspri che l'aspirante premier non ricorda nemmeno il risultato della partita.

A ricostruire l'episodio, ci ha pensato nelle ultime ore il segretario provinciale della Lega orobica, l'atalantino sfegatato Daniele Belotti, secondo il quale il match incriminato sarebbe quello del 6 ottobre 1991. Finito 2-0 per i rossoneri. All'epoca, Salvini aveva 17 anni. Domani, mercoledì 4 maggio, alla stampa estera a Roma, il leader leghista presenterà il volume.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miraldo

    03 Maggio 2016 - 19:07

    La gente saprà apprezzare questo libro, visto che Salvini descrive la pura verità. L'unica cosa che non convince è la foto, Salvini non ha bisogno di ritocchi alla Berlusca ma qui è stato fatto il contrario......

    Report

    Rispondi

blog