Cerca

Il retroscena

Verdini e la telefonata a Berlusconi: cosa bolle in pentola (con Renzi?)

Verdini e la telefonata a Berlusconi: cosa bolle in pentola (con Renzi?)

Una telefonata, poche parole: "Presidente, hai fatto bene". Denis Verdini ha chiamato Silvio Berlusconi per congratularsi della scelta di Alfio Marchini come candidato sindaco a Roma. Il dettaglio, riferito dalla Stampa, sarà utilizzato dai più maliziosi (anti-renziani, anti-berlusconiani e non solo) come la "prova regina" del ritorno al Patto del Nazareno che il leader di Forza Italia per primo ha tenuto a smentire più volte negli ultimi giorni.

La strategia di Verdini - Più semplice leggere la mossa di Verdini attraverso la lente della sagacia tattica dell'ex plenipotenziario del Cav: un modo per tenersi buono l'ex capo, tentare di ricucire dopo lo strappo doloroso, tessere intese bipartisan su tutto l'arco nazionale in vista dei secondi turni che si preannunciano caldissimi. Cosa faranno per esempio gli elettori azzurri se saranno costretti a scegliere al ballottaggio tra il dem Giachetti e la grillina Raggi? Probabile che Verdini e Matteo Renzi la domanda se la siano posta molto spesso, e qualcuno stia favorendo una risposta positiva. 

La mappa delle alleanze - D'altronde, le mosse dei verdiniani in queste amministrative sono abbastanza lineari: con Renzi senza sé e senza ma. La mappa del sostegno elettorale l'ha tracciata sempre la Stampa: Ala correrà a Torino per Piero Fassino, a Milano per Giuseppe Sala, a Roma per Giachetti, a Napoli per Valeria Valente. Molto rumore hanno fatto anche i movimenti in Calabria, a Cosenza. I 5 Stelle hanno tuonato: "Prove tecniche di Partito della nazione". La cosa singolare è che invece chi è nel governo, come Ncd, in alcuni casi sostiene la "concorrenza" e si ritrova alleata di Forza Italia o addirittura di Lega Nord e Fratelli d'Italia. Gli alfaniani e i centristi di Scelta civica, però, al referendum costituzionale voteranno sì, per non mandare a casa Renzi. Vuoi vedere che in questo bailamme i più coerenti sono proprio i verdiniani?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cosimo.sgura

    05 Maggio 2016 - 19:07

    Continuerò a dire fino alla noia che la Meloni e Salvini sono le uniche persone coerenti in politica e per questo sono malvisti da tutti anche dagli stessi compagni di partito. Viva l'anticonformismo e la libertà di parola. Abbasso l'ipocrisia, la carita' pelosa, il radicalismo chic, il politically correct e i tanti Yes man.

    Report

    Rispondi

  • irucangy

    04 Maggio 2016 - 08:08

    Lo strappo doloroso? Ma non prendeteci per il c.... Questi sono d'accordo dall'inizio. Berlusca ha prima mandato alfano nel governo, poi i voti al senato non bastavano e ci ha spedito verdini ad appoggiarlo, con la sua pattuglia di voltagabbana. E tutto questo per il patto con il "non votato" (nazareno?) per tutelare le sue aziende anche in vista dell'assegnazione delle frequenze tv.

    Report

    Rispondi

  • randagio

    04 Maggio 2016 - 00:12

    E poi si chiedono perchè la gente non va più a votare. Fanno venire solo conati di vomito.

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    04 Maggio 2016 - 00:12

    No, caro! I più coerenti siamo noi Leghisti! I verdiniani sono dei puzzoni traditori e nient'altro. E poi, chi e quanti sono gli elettori verdiniani? A livello parlamentare fanno tutte le loro porcate, per tenersi una sedia, ma quanti elettori pensate che li seguiranno?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog