Cerca

Guerra atomica

La frase "rubata" al Cav furibondo: gli scappa tutta la verità su Salvini

Silvio Berlusconi

Un modo di fare «incomprensibile» di gente «senza prospettive» che rischia di condannare il centrodestra alle «divisioni» e quindi alla «sconfitta» proprio ora che le Politiche si avvicinano. Silvio Berlusconi è rientrato nella Capitale per chiudere le liste per le Amministrative, vistare il lavoro fatto nelle grandi città che andranno al voto tra un mese, caricare le truppe azzurre. Ma chi lo ha sentito per telefono si è sorbito soltanto sfoghi contro Matteo Salvini e quei suoi continui «affronti» che, a suo dire, non porteranno da nessuna parte.

«Hai visto l’ultima uscita contro di me, con la quale contesta platealmente la mia leadership?», ha chiesto parlando con un big azzurro dopo avere visitato una sua ex collaboratrice ricoverata in ospedale. Per il Cavaliere, al contrario, il centrodestra dovrebbe ritrovare l’unità: «Io sono sicuro e così risulta da tutti i sondaggi che Matteo Renzi perderà il referendum di ottobre e, di conseguenza, dovrà dimettersi, visto che lo ha detto chiaramente e non lo ha mai eletto nessuno. Questo significa che si andrà a votare prestissimo. Però, così divisi, faremo vincere i grillini...», ha concluso amaro. L’ex premier non si capacità di come i due «alleati-ragazzini», cioè il segretario del Carroccio e il presidente di Fdi - oggi candidata sindaco di Roma - Giorgia Meloni non si rendano conto «che non è proprio il momento delle divisioni».

L’altra grana last minute sono state le liste; dopo avere raccolto con qualche difficoltà le firme necessarie per presentarle, ci sono state frizioni in moltissime città: Milano e Napoli, Torino e pure Bologna. A prepreoccuparlo soprattutto le liste civiche dei candidati scelti da lui stesso, ma che rischiano di rosicchiare consensi proprio al simbolo del suo partito e di “mascherare” così un possibile buon risultato. Forse anche per questa ragione cresce il nervosismo contro gli alleati. Ieri, in compenso, è arrivato un assist inatteso: «A Roma io voterei Alfio Marchini», ha gelato tutti Umberto Bossi, fondatore della Lega Nord. Il Senatur ancora sperava in un accordo dell’ultimo minuto, ma non si è risparmiato una critica al segretario del Carroccio, citando un detto in dialetto bergamasco che tradotto suona così: «Chi non ha adulatori si vanta da solo».

È a Roma, però, che continua la scomposizione della coalizione. Questa mattina la candidata di Fi e Lega, Giorgia Meloni, presenterà la lista “Federazione Popolare per la Libertà”, ideata da Mario Mauro e l’ex deputato azzurro Giuseppe Cossiga, che sosterrà la sua candidatura e non quella dell’ingegnere candidato - tra gli altri - dei centristi di Alleanza popolare. Piccoli passaggi di campo dell’ultimo secondo sono avvenuti proprio nella Capitale - dove alcuni consiglieri municipali e ieri l’ex consigliere comunale Alessandro Vannini Scatoli, hanno mollato Fi diretti verso l’“altro” centrodestra e, al contrario, a Napoli, dove invece alcuni candidati ai Municipi sono transitati da Fdi - che ha un candidato che per i sondaggi è molto debole - verso le liste in sostegno di Gianni Lettieri.

di Paolo Emilio Russo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RatioSemper

    23 Maggio 2016 - 15:03

    Bertolaso? il Manutentore che contava i topi e aveva la moglie che votava Giachetti. Marchini? l'uomo dello "charme", non importa se è un sinistroide con la Ferrari e sfrutta FI. E Salvini dovrebbe assecondare il gioco a perdere del Cavaliere? Il cosiddetto "cdx " probabilmente può essere solo danneggiato da vecchi saggi del tempo andato, come Berlusconi e Bossi.

    Report

    Rispondi

  • garfanhotto

    05 Maggio 2016 - 23:11

    A berlusca vattene in pensione, ti brucia che i toui ti lascino per andare con Salvini hee! Se facessi una politica più onesta con candidati più credibili forse non succederebbe!

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    05 Maggio 2016 - 17:05

    A tutti i buffoni politicanti italiani non interessa l'Italia interessa solo la sedia. Visto tutto questo: perché andare a votare?

    Report

    Rispondi

  • AURSERE

    05 Maggio 2016 - 17:05

    E' no Caro Silvio !!! Con Tutto Il Rispetto e Ammirazione che fino a ieri avevo per te stavolta ai toppato e alla grande...Sei tu che ai diviso.....Come cazzo si fa solo a pensare di ripresentarsi con alfano,casini & c.....Davvero un po di digmita' un minimo di dignita'...Ti ricordo che renzino sta governando abusivamente e prima di lui i suoi amichetti proprio grazie a quella gentaglia No no no..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog