Cerca

Rompe il silenzio (e sono dolori)

Bertolaso, uno sfogo violentissimo: "Fascista anti-italiano. Io al Cav..."

Silvio Berlusconi e Guido Bertolaso

Dopo il ritiro dalla corsa romana e un lungo silenzio, torna a parlare l'ormai ex candidato Guido Bertolaso. Lo fa in un colloquio con Repubblica, dove premette che, ora, si gode la "ritrovata libertà". Poi si va dritti al punto: gli viene chiesto perché dopo il suo forzato passo indietro Silvio Berlusconi abbia scelto Alfio Marchini e non Giorgia Meloni nella corsa al Campidoglio.

La risposta di Bertolaso è tranchant: "Sono stato io a stoppare Berlusconi. La sera del 20 aprile, era appena arrivato il famoso sondaggio della Ghisleri, ero stato invitato a cena a Palazzo Grazioli insieme allo stato maggiore di FI. Solo che io, impegnato altrove, sono arrivato tardi. Lì - rivela - mi sono trovato davanti a un plotone di esecuzione: avevano già convinto Silvio a farmi ritirare e a convergere su Giorgia. Era fatta. Il fronte del Nord - Romani, Toti, Santanchè - era al settimo cielo". A quel punto, rivela l'ex capo della Protezione civile, Berlusconi gli chiese comunque una mano in campagna elettorale, per poi fare il vicesindaco o il citymanager. "Gli ho risposto, ma non potete chiedermi di sostenere Meloni".

Dunque, l'attacco di Bertolaso sale d'intensità. "Perché ho rifiutato? Per il semplice fatto che la ritengo inadatta a fare il sindaco di Roma. Lei diceva a Silvio: non possiamo perdere la faccia. E neppure io, ho replicato". Dunque, nel mirino, ci finisce Matteo Salvini, bersaglio dell'affondo più feroce: "Non potevo certo allearmi con uno come Salvini, la cui ragione sociale è avere una capitale debole, in declino. Un fascista - cannoneggia - che sputa sul tricolore e sostiene che il presidente Mattarella è un ubriacone. Berlusconi ha capito e ha ribaltato il tavolo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angeli1951

    16 Maggio 2016 - 13:01

    L'altezza morale dell'uomo che gestì il dopo-terremoto de L'Aquila?

    Report

    Rispondi

  • biemme

    14 Maggio 2016 - 12:12

    Salvini ha solo impedito a Berlusconi l'ennesimo errore nella scelta dei suoi uomini da mettere nei posti di comando. A cominciare da Fini non ne ha mai "azzeccato" uno. I romani ringraziano!

    Report

    Rispondi

  • katia78

    13 Maggio 2016 - 08:08

    CMQ.................Lo so sono un pò particolare........i più grossi maleducati e cafoni chissà perche' sono sempre quelli di sinistra....non siete proprio in grado di esporre le vostre idee senza aggredire l'altro...perchè l educazione è un optional per voi, ovunque siate, qualunque cosa facciate. AGGREDITE E POI SIETE DIFESI DALLE TOGHE ROSSE.........LE NUOVE GENERAZIONI VI AFFONDERANNO.

    Report

    Rispondi

  • sordo

    12 Maggio 2016 - 13:01

    Adesso dobbiamo apertamente ringraziare l amico degli zingari vessati per non averci fatto alleare con il nonnetto d arcore.Grazie Berto,sei un mito.Se poi analizziamo gli inadatti a fare il sindaco e quelli inadatti a fare il leader del centro destra,ci si materializzano davanti agli occhi due figuri,il primo dedito a farsi "massaggiare",il secondo dedito alle feste galanti.du cocones

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog