Cerca

Premier disperato

Referendum, mossa sporca di Renzi: per vincere cambia tutto (all'ultimo)

Matteo Renzi

La strategia di Matteo Renzi, un premier alle prese con i sondaggi e un tangibile crollo di consenso e popolarità, di giorno in giorno si fa più chiara e delineata. Ormai il fatto che alle Comunali si voterà su due giorni è un dato sostanzialmente certo. Renzi "magnanimo"? Non proprio. Certo, in apparenza la scelta sembra un mezzo autogol: tutti gli analisti dei flussi elettorali indicano che la scelta di votare soltanto la domenica potrebbe avvantaggiare la sinistra, che storicamente ha un popolo più "motivato" ad andare al voto. Non a caso, le polemiche sulla scelta di votare alle amministrative in un giorno soltanto avevano scatenato una violenta polemica, che ora parte archiviata: si voterà anche lunedì.

Ma, attenzione. Putacaso, subito dopo la scelta di spalmare la corsa alle urne su una seconda giornata, ha iniziato a circolare un'indiscrezione, che parimenti ora ha assunto il contorno di un dato di fatto. Si voterà su due giorni anche in occasione del referendum costituzionale di ottobre, quello su cui Renzi si gioca la faccia e il governo: a più riprese ha ripetuto che in caso di vittoria dei "no" abbandonerebbe Palazzo Chigi e la politica. La conferma al voto su due giorni è arrivata dal ministro dell'Interno, Angelino Alfano.

Tutti i sondaggi, ad oggi, indicano i "no" in vantaggio. Renzi, insomma, rischia di saltare. E insomma, è in questo contesto che sarebbe maturata la scelta di spalmare il voto su due giorni anche in occasione del referendum. Il presupposto dietro alla scelta è semplice da comprendere: anche in questo caso, votando in un solo giorno, il "no" sarebbe favorito poiché chi è contrario al pacchetto di riforme è più motivato a recarsi alle urne. Il voto su due giorni, dunque, assume le sembianze di un tentativo di non andare a schiantarsi. Infine, si ricorda che su un referendum costituzionale non vi è alcun quorum da raggiungere: per le ragioni elencate qui sopra, insomma, votare due giorni invece che uno, per il fronte del "sì" è soltanto un vantaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sicilia80

    16 Maggio 2016 - 18:06

    Mi preoccupa il traffico durante la notte! Che farete? Spariranno le schede elettorali? Nooo li sostituite? Troppi corrotti per votare in 2 giorni.

    Report

    Rispondi

  • giancarlo busso

    16 Maggio 2016 - 17:05

    Sul vantaggio che loro hanno calcolato è sicuramente alle elezioni del 6 giugno perche i consiglieri DER BUCIA hanno valutato che siccome i seguaci del traditore degli italiani hanno i soldi quindi per loro domenica è l'ultimo giorno del lungo ponte e quindi il ritorno è previsto per lunedi e lui con la sua mente tutta dedita agli interessi degli italiani ha pensato di far votare anche lunedì.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    16 Maggio 2016 - 17:05

    Vista la scorrettezza politica di questo cialtrone ritengo giusto che i ben pensati incomincino ad avere dei proseliti per il NO. In più dimostra quanto poco se ne frega del popolo. I soldi per la povera gente non ci sono, ma per prolungare le votazioni, cosa che potrebbe favorirlo, si.

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini

    16 Maggio 2016 - 14:02

    Votare in 2 giorni non credo che sia un vantaggio per i "SI". Dipende sempre dall'astensionismo, perché si sa che quelli di sinistra comunque vanno a votare anche azzoppati o addirittura moribondi

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      16 Maggio 2016 - 17:05

      lo si sà, vero? e c ome è che il CSX ha perso due milioni di voti che sono rimasti a casa, nelle ultime elezioni? non glielo aveva detto nessuno che quelli di sinistra vanno comunque a votare, anche azzoppati o addirittura moribondi? Patrizia, Patrizia....

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog