Cerca

Asse di ferro

È guerra all'Europa. Zaia in trincea con Putin: vogliono cambiare i confini

Luca Zaia e Vladimir Putin

Luca Zaia fianco a fianco con Vladimir Putin: il Veneto, infatti, ha firmato una risoluzione per chiedere al governo italiano un impegno per il riconoscimento della Crimea come parte della Federazione Russa. Contestualmente ha chiesto la fine delle sanzioni contro Mosca. Un atto formale, che ha il carattere dell'auspico, ma il cui significato è chiaro: il Veneto si pone come apripista in Europa per il riconoscimento dell'annessione della Crimea alla Russia.

Si ricorda che nel 2014, in seguito alla crisi ucraina e all'intervento russo che sostenne le frange separatiste della regione, la Crimea si staccò da Kiev, scissione confermata da un referendum non riconosciuto come legittimo dalla Ue.

"La risoluzione - spiega Stefano Valdegamberi, primo firmatario e consigliere della lista Zaia - vuole che a voce alta sia riconosciuta la possibilità al popolo della Crimea di scegliere il proprio destino, e la Crimea vuole stare con la Russia. Inoltre - continua - chiede che venga posta fine alle sanzioni e che vengano ripristinati i rapporti con la Russia. Certo, non ha un valore di politica estera, esprime un auspicio, ma ha un valore molto forte perché il Veneto subisce la conseguenza di una politica europea sbagliata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GAlbert

    20 Maggio 2016 - 07:07

    Ottimo Zaia,Complimenti!

    Report

    Rispondi

  • nick2

    19 Maggio 2016 - 09:09

    L’Alto Adige, negli anni 60 e 70 fu teatro di numerosi attentati terroristici secessionisti e la popolazione, in grande maggioranza austriaca, era favorevole all’annessone. Secondo voi, questo avrebbe giustificato un’invasione di truppe e carri armati dell’esercito austriaco? Zaia, tutti i leghisti e i neofascisti non si rendono conto che l’invasione della Crimea è stato un atto criminale.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    19 Maggio 2016 - 09:09

    L’Alto Adige, negli anni 60 e 70 fu teatro di numerosi attentati terroristici secessionisti e la popolazione, in grande maggioranza austriaca, era favorevole all’annessone. Secondo voi, questo avrebbe giustificato un’invasione di truppe e carri armati dell’esercito austriaco? Zaia, tutti i leghisti e i neofascisti non si rendono conto che l’invasione della Crimea è stato un atto criminale.

    Report

    Rispondi

  • GAlbert

    19 Maggio 2016 - 01:01

    Ottimo Zaia,Complimenti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog