Cerca

L'intervista al Presidente

Il futuro della Rai, Monica Maggioni: la verità su Porro silurato

Monica Maggioni, da inviata di guerra a Presidente

Parla il presidente della Rai. Monica Maggioni, in una lunga intervista spiega a Repubblica cosa sta succedendo nell'azienda  e chiede più rispetto. isteremo ogni volta a polemiche insensate. Parla della chiusura del programma di Nicola Porro, Virus, che ha fatto parlare di "epurazione renziana". Lei risponde facendo una premessa: "Mi faccia rispondere da giornalista. Qualche epurazione nella mia vita l' ho vista davvero, ma mai con una trattativa in corso sul programma successivo, il mantenimento dello stesso trattamento economico, la possibilità di studiare un format diverso insieme al nuovo direttore di rete. Se le epurazioni sono così, vorrei essere epurata anch'io". Quando la giornalista Annalisa Cuzzocrea le chiede se verranno eliminati i programmi più scomodi, lei risponde che da presidente della Rai non può sopportare "la trasformazione di quest'azienda in una specie di suk. Questo non è un mercato dove uscire allo scoperto e gridare per far sì che i difensori pubblici accorrano a difenderti. Stiamo provando a scrivere i nuovi palinsesti: emergeranno molti punti di vista, tante Italie le cui voci in questi anni non si sono udite, che non hanno trovato lo spazio adeguato".

Il futuro di Viale Mazzini - E poi su Giannini risponde così: "Non voglio entrare nelle dinamiche delle singole reti e nel racconto dei singoli programmi. Per me, l' autonomia editoriale dei nuovi direttori di rete è fondamentale: ognuno di loro ci proporrà la sua idea e le sue modalità di racconto". Per quanto riguarda il taglio dei telegiornali, Monica Maggioni spiega che non ha alcuna intenzione di ridurre l'offerta dell'informazione della Rai. "Vogliamo usare meglio i soldi che le vengono dati. Meglio avere cinque troupe che raccontano cinque storie di Italie diverse che cinque troupe sulla stessa conferenza stampa. Se questa viene considerata riduzione dell' informazione, allora non so davvero da dove ripartire". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filadelfo

    05 Giugno 2016 - 12:12

    Ma questa gentile signora sa quel che dice quando afferma di non avere alcuna intenzione di ridurre l'offerta giornalistica? Un esempio: prima della sua presidenza rai, il televideo, subito dopo mezzanotte dava i titoli di varie testate. Da quando c'è lei, a mezzanotte, alle 2, 3 e 4, puoi legg i titoli di quattro giornali che letto uno hai letto tutti. fotocopia uno dell'altro.

    Report

    Rispondi

  • pitolin

    05 Giugno 2016 - 02:02

    con la mia proposta d'affittare, di poco fa, avremmo una TV italiana veramente democratica e i cittadini vedrebbero davvero cosa offrono quei gestori, pagherebbero un canone minimo per quelle due ore di info ministeriali, cesserebbero tutte quelle storie camarillesche d'altri tempi, rivendicazioni, accuse, smentite, scandali, verità e bugie, che ci hanno veramente stufato e annoiato, bene che vada

    Report

    Rispondi

  • pitolin

    05 Giugno 2016 - 02:02

    vogliamo cessarlo questo baraccone d'infelici? Datelo in affitto ai partiti, secondo l'importanza conseguita alle ultime elezioni, lasciando un Tg dello Stato 4 volte al giorno, per mezz'ora, in cui si danno notizie provenienti solo dal Ministro dell'Informazione e gli altri si fanno i loro programmi, pubblicità e TG, a loro spese e piacimento, così vediamo e capiamo bene chi fa che cosa.

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    22 Maggio 2016 - 12:12

    La Rai da qualunque punto la guardi è pietosa ed insulsa. Riuscire ad avere una perdita astronomica e non chiedere il fallimento è vergognoso ed un insulto agli italiani tutti ed in particolare ai pensionati ai quali rubare cento euro è come gettarsi dalla finestra

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog