Cerca

Crack rosso

Elezioni, Pd vede già la sconfitta
Letta: "Torniamo subito al voto"

La terza proiezione per il Senato manda in confusione tutto il centrosinistra. Ora c'è davvero paura della sconfitta. Il Cav comincia a gongolare, i dem iniziano a piangere

Pierluigi Bersani

Bersani piange a "Porta a Porta"

Il Pd è in alto mare. Il centrosinistra per la terza proiezione Sky Tecnè al Senato Bersani è al 28 per cento e il centrodestra è al 31 per cento. Dunque il centrosinistra è ormai alla frutta. Se i dati fossero confermati dallo spoglio si ribalta tutto e il Cav è rponto a dettare la linea. La paura fa novanta. A parlare è il vice segretario Enrico Letta: "Se queste proiezioni dovessero essere confermate si andrebbe verso una situazione di molto complessa governabilita'". Lo ha detto al Tg3 Enrico Letta, commentando la seconda ondata di proiezioni. "Il successo di Grillo, se e' cosi', sarebbe maggiore delle attese e colpirebbe il Pd, Sel, tutti, e quindi sarebbe il vero successo delle elezioni. A questo punto quello che emerge è che alla Camera, se questi sono i dati, la vittoria sarebbe qualcosa come il 2006 ed i suoi 24.000 voti. Se questo fosse lo scenario temo che si cambia la legge elettorale e si va a votare immediatamente". Insomma il Pd è già con la bandiera bianca in mano. 


 


"In Europa ne vedremo delle belle"
- E mentre il responsabile Economia dei democratici Stefano Fassina conferma la linea del "no al governessimo" ("Si può fare solo per cambiare la legge elettorale"), Letta la vede nera pure per l'Europa: "E' un risultato totalmente instabile, ne vedremo delle belle non solo in Italia ma anche a livello europeo". Amaro pure Nicola Latorre, senatore Pd: se saranno confermati l'exploit di Grillo e gli ottimi risultati del Pdl "la vedo complicata, ci sono buone possibilità che si torni al voto". "Il problema  - mette le mani avanti il dalemiano Latorre - non è Bersani ma il destino del Paese: così rischieremmo di entrare in una fase di ingovernabilità, con conseguenze serie per l'Italia". In ogni caso, Berlusconi non sembra proprio essere stato smacchiato: "Il giaguaro resiste".

Renzi fatto fuori in fretta - Ora tra lo spoglio e le proiezioni c'è un fantasma che gira tra le stanze di Largo del Nazzareno. E' quello di Matteo Renzi. Trascinato alle primarie, battuto da Bersani con regole discutibili, ora è l'unico del Pd a non aver perso. Renzi era l'occasione per un vero ricambio dentro il Pd. Ma un mix perverso di regole gli hanno tolto la volata verso la vittoria. Bersani ha usato il giovane sindaco di Firenze sul palco per attirare i voti dei renziani delusi. Ma è stato solo uno show per usare il rottamatore come un burattino nell'ora della disperazione, quando il Cav era in rimonta netta con la proposta dell'Imu. Il Pd adesso che fa? Si torna a votare? Sì ma stavolta tocca a Renzi. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattolibero50

    27 Febbraio 2013 - 13:01

    Letta se vuoi possiamo tornare a votare anche una volta al mese finché il tuo partito non raggiunge il 4,99% poi basta. Vedo però una soluzione migliore. Togliti dalle balle subito assieme a Gargamella. Prendete esempio dal Papa:

    Report

    Rispondi

  • doda57

    26 Febbraio 2013 - 15:03

    E' un pò tardino per capire ora che le scelte fatte alle primarie erano decisamente sbagliate. Avessero votato in modo diverso alle primarie,con più onestà, Renzi avrebbe vinto ed ora starebbe festeggiando la vittoria alla grande. Confesso che anch'io lo avrei votato e parecchi dei miei amici. Non ci sarebbero problemi di governabilità ed avremmo gente giovane con idee nuove. Ma la mentalità da soviet supremo è difficile da ....smacchiare!!!!!!! A questo punto, per onestà politica una volta tanto, si dovrebbe cambiare la legge elettorale, far fuori metaforicamente parlando tutti i vecchioni e tornare al voto con nuove proposte. Il giorno del mai.

    Report

    Rispondi

  • LoZioTazio

    26 Febbraio 2013 - 09:09

    ... se Renzi fosse stato candidato lo avrei votato, davvero, ma quando le cariatidi del PD lo han fatto fuori e ho dovuto scegliere tra Bersani, Monti, Grillo, Ingroia o Giannino, mamma mia!, quasi mi si é paralizzata la mano al solo pensiero di votare uno di questi bei tipi. Allora mi son turato il naso e ho votato il meno peggio, il Gattopardo di Arcore ..... ma se il PD si libera dei vari Bersani, Bindi, D'Alema, Finocchiaro e altri residuati della prima repubblica, io a giugno il voto lo do a Renzi ... perché, per chi non lo sapesse, a giugno si rivota, e non vorrete mica rifare un altro favore al Berlusca o al comico genovese, giusto?

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    25 Febbraio 2013 - 22:10

    quando vede il papi della sua padrona fà gli scongiuri!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog