Cerca

La guerra interna

La grillina che fa tremare Virginia Raggi. Le due si odiano: cosa le può fare

La grillina che fa tremare Virginia Raggi. Le due si odiano: cosa le può fare

Solo pochi giorni fa all'interno del Movimento Cinquestelle è stata siglata una sorta di tregua elettorale tra la candidata a sindaco di Roma, Virginia Raggi, e Roberta Lombardi, parlamentare romana pentastellata e leader di fatto di una nutrita pattuglia di attivisti grillini nella capitale. Giovedì mattina a Montecitorio, riporta il Corriere della sera, le due hanno provato a mettere da parte le divergenze e calmare gli animi, non proprio sereni fino a quel momento. Pace fatta? Dura a dirsi, visti i precedenti. Sui giornali si sono rincorse le ricostruzioni di retroscena che volevano le due sempre in fortissimo contrasto, fino a litigare anche via chat. I rumors sostengono che la Lombardi non abbia mai digerito la candidatura della Raggi, preferendo l'ex candidato sindaco Marcello De Vito, eletto consigliere comunale nel 2013. La Raggi però ha avuto la meglio nella selezione interna al movimento e da quel momento sono partiti piccoli, ma non trascurabili gesti di boicottaggio. La Lombardi e De Vito hanno preferito, per esempio, non presentersi il giorno del lancio della campagna elettorale grillina a Roma. Solo negli ultimi giorni, quando le voci della tensione tra le due si facevano più intense, hanno provato a mettere una pezza, così le due dovrebbero apparire insieme al comizio finale in piazza del Popolo. Ma per la Raggi non sarà vita facile nelle prossime settimane: comunque andrà, la Lombardi può contare su un ampio sostegno di diversi candidati grillini al Campidoglio, molti di loro sono favoriti per un posto in sala Giulio Cesare e a quel punto il controllo del movimento cittadino sarà un bel rebus.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog