Cerca

Insospettabili

Attenzione al renziano Franceschini: "Mandare Renzi a casa? Fate così"

Matteo Renzi e Dario Franceschini

Per Dario Franceschini, votare "no" al referendum costituzionale è "un vero atto contro il Paese". Lo spiega in un'intervista a Repubblica, dove aggiunge che usare "una riforma attesa da 30 anni per l'obiettivo finale di buttare giù Renzi è un errore". E lui, oggi in prima linea tra i renziani, spiega alle opposizioni - e soprattutto alla minoranza Pd - quale strada devono seguire per "liberarsi" del premier. "Qualcuno punta a colpire Renzi? Siamo nella fisiologia della politica, non mi sconvole. Lo strumento però è sbagliato. Chi vuole affrontare il segretario dentro il Pd - continua - lo sfidi al congresso; chi lo vuole sconfiggere nel Paese, lo sfidi alle politiche. Ma usare una riforma attesa da 30 anni per buttarlo giù è un atto contro il Paese", conclude. Infine, Franceschini sottolinea che in caso di vittoria del "no" si torna "a votare con il sistema bicamerale, con una legge elettorale diversa al Senato, nessuno avrà la maggioranza e ricomincia tutto daccapo. Quest'ultimo film è il sogno di Grillo che come tutti i populisti punta al caos".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RatioSemper

    30 Maggio 2016 - 12:12

    Intanto: 1) a personalizzare lo scontro sul referendum è stato lo scout (ma forse si sta pentendo); 2) l'abbinamento R.C.-Italicum è uno sporco gioco anti-democratico per tacitare le opposizioni; 3) altri obiettivi: demolire le autonomie locali e portare al potere il circolo politico della Leopolda; 4) le vere riforme sono decise da Parlamenti legittimi, non da profittatori e voltagabbana.

    Report

    Rispondi

  • mauriziocontro2014

    30 Maggio 2016 - 00:12

    GRANDE FRANCESCHINI è LA SPIEGAZIONE CORRETTA E SENSATA HAI DETTO PROPRIO TUTTO MA QUESTI POPULISTI VORREBBERO FARE IL DISASTRO X MANTENERE L'ITALIA NEL CAOS ciaooooooooooooo

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    29 Maggio 2016 - 22:10

    è uno che tiene alla poltrona della riforma non gli frega un tubo .ormai hanno capito che vince il no e si tanno cacando nelle mutande .immaginate che profumo in parlamento.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      30 Maggio 2016 - 16:04

      con lai vittoria del NO si torna a votare con la bicamerale, con una legge elettorale diversa al Senato, nessuno avrà la maggioranza e ricomincia tutto daccapo. Le leggi rimpallate di qua e di là; l'ultima ha avuto sette passaggi. E voi maldestri, pur di mandare a casa Renzi (e non è detto che avvenga!), siete disposti ad altri anni, chissà quanti, con 'sto tran-tran? Proprio un bel risultato!

      Report

      Rispondi

blog