Cerca

Tra Comunali e Politiche

Berlusconi, lo schiaffo a Salvini: "La Lega non comanda"

Berlusconi, lo schiaffo a Salvini: "La Lega non comanda"

Una "alleanza indissolubile" ma non priva di qualche spigolo. Intervistato da Telelombardia, Silvio Berlusconi fotografa la situazione del centrodestra a Milano, con Forza Italia e Lega Nord insieme per Stefano Parisi. "L'ho corteggiato per due mesi per convincerlo - ha rivelato l'ex premier -. È stata sofferta l'accettazione, dolorosa, ma con i ragionamenti che ho messo in campo si è poi convinto". Berlusconi ha convinto anche Matteo Salvini, evidentemente, perché la scelta di un moderato come Parisi ha fatto accantonare al leader leghista i toni barricaderi esibiti, per esempio, a Roma dove Lega e Fratelli d'Italia corrono contro l'uomo appoggiato dal Cav, Alfio Marchini.

"A Milano la Lega non comanda" - Quella rottura sembrava aver allontanato i tre leader del centrodestra in maniera irreparabile: "È stato più un puntiglio da parte mia - ha ammesso il fondatore di Forza Italia -, è stato un messaggio che io ho voluto mandare sia a lui che alla signora Meloni: i patti si mantengono nella vita e in politica, non si può decidere una cosa e poi cambiare parere due giorni dopo. È stata una impuntatura educativa con Salvini, dall'alto della mia età posso permettermelo". Le stilettate continuano, anche se leggermente ammorbidite: "Non credo che a Milano la Lega Nord possa superare per numero di consensi Forza Italia - ha spiegato - ma se anche dovesse accadere non ci sarebbe da preoccuparsi, Salvini è un nostro alleato indissolubile, non ho il timore che poi a Milano possa comandare lui". 

Il governo con Salvini e Meloni - Sul piano politico nazionale, giura il Cav, la triplice alleanza è saldissima: "Con Salvini e la Meloni abbiamo già fatto un passo avanti per un programma comune per le elezioni politiche - ha concluso -, abbiamo già studiato il prossimo governo di centrodestra con una maggioranza di persone che arrivano dalla vita vera". Secondo l'accordo, la Lega Nord e Forza Italia si prenderanno 3 ministri e Fratelli d'Italia due.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    30 Maggio 2016 - 21:09

    Povero Ometto Buffo, non sa più che fare pur di non scomparire dal panorama politico e calcistico: ancora non si rende conto che l' orologio ha suonato l' ultima ora!!

    Report

    Rispondi

    • Bolinastretta

      31 Maggio 2016 - 10:10

      lo sa.. lo sa... ogni tanto fa un giro al Nazzareno e rinfranca gli accordi col ducetto!!!

      Report

      Rispondi

blog