Cerca

L'analisi

Elezioni, l'allarme dei sondaggisti: il grande rischio dentro le urne

C'è il silenzio pre-voto. Non si possono pubblicare i sondaggi. Ma i sondaggisti lanciano l'allarme astensionismo. Nicola Piepoli al Corriere della Sera spiega come, con il passare del tempo, dal lontano 1946 l'affluenza alle urne sia sempre più diminuita. Alle politiche del 2013 votò il 75,2 per cento. Ma per Piepoli il calo delle presenze alle urne non è un dramma e cita il caso della Gran Bretagna che, non registra punte altissime di partecipazione al voto, eppure "è un paese molto democratico". Diversamente la pensa Roberto Weber: "Il calo è molto allarmante. C' è scontento, insofferenza. Si rischia di scendere sotto il 50 per cento: i sondaggi sottostimano le astensioni, perché chi non è interessato al voto tende a non partecipare". Secondo Weber non bisogna attribuire la responsabilità della disaffezione al fatto che si voti in una domenica di giugno, per di più alla fine di un lungo ponte:  "Quando c' è la motivazione, il resto incide poco". Carlo Buttaroni (Tecnè) concorda sostenendo che la campagna elettorale è statas "fiacca e i candidati non sono di livello". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nellomaceo

    05 Giugno 2016 - 09:09

    Ma dov'è l'Italia?ma dove sono IL LAVORO ,L'AGRICOLTURA e il COMMERCIO?Le campagne sono state massacrate importando prodotti a basso costo e tossici:Le industrie si sono trasferite nei paesi poveri:Il commercio esiste per IMPORTARE Latte e salsa di pomodoro dalla CINA e il POPOLO Italiano viene sempre di più massacrato da tasse e rapine autorizzate,POVERA ITALIA!

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    04 Giugno 2016 - 11:11

    Ancora non ho deciso se andare a votare. Ilo motivo? Non credo a nessuno, proprio a nessuno

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    04 Giugno 2016 - 10:10

    La gente è come i cerini, li fregano tutti, ma una sola volta. Questa classe politica è l'emblema del fallimento che la gente vede ogni giorno sotto i propri occhi. Quelli che votano secondo partito sono i compagni che in massa, senza troppo capire, seguono il capobranco. Tutti ci raccontano e fanno fandonie, la giustizia si rivolta contro gli italiani e poi pretendono pure l'avallo con il voto??

    Report

    Rispondi

  • romamaccio

    04 Giugno 2016 - 09:09

    La gente non crede più alla casta politica,è inutile a sgolarsi invitando il popolo per farsi regalare l'oro nero!(il voto) tanto secondo l'andamento del mercato parlamentare lo metteranno sul mercato al miglior offerente.

    Report

    Rispondi

blog