Cerca

Città rossa

A Bologna il Pd Virginio Merola obbligato al ballottaggio dalla leghista Lucia Borgonzoni

A Bologna il Pd Virginio Merola obbligato al ballottaggio dalla leghista Lucia Borgonzoni

Affluenza alle urne sotto i tacchi anche nella "rossa" Bologna, dove pur la partecipazione al voto è sempre stata cosa quasi sacra. Nel capoluogo emiliano, dove nel 2011 era andato ai seggi il 71,40% degli aventi diritto, ieri lo ha fatto appena il 59,65% degli aventi diritto. Una percentuale sotto il 60% che la dice lunga sulla delusione per la politica in una delle città d'Italia che di politica ha sempre vissuto.

Uno scenario nel quale il candidato del Pd Virginio Merola non ha toccato il 40% dei voti, fermandosi al 39,49% e contribuendo così al pessimo risultato del partito di Renzi a livello nazionale. Anche perchè l'avversaria del piddino Merola era una leghista dura e pura come Lucia Borgonzoni, la candidata che Salvini ha voluto imporre a tutti i costi e che ha ottenuto il 22,25% delle preferenze alla testa di una coalizione che includeva anche Forza Italia e Fratelli d'Italia. Il 5 Stelle Massimo Bugani s'è fermato al 16,62%, confermando la delusione dei grillini in questa tornata elettorale fatta eccezione per i risultati di Raggi a Roma e Appendino a Torino. Quarto l'ex assessore Manes Bernardini, a capo di una lista civica, col 10,42% dei voti. Al ballottaggio, Merola non dovrebbe avere problemi, anche se racimolare dieci punti percentuali non è mai cosa semplice. Ma lo è sicuramente di più recuperarne 28, anche se l'astensionismo così elevato al primo turno potrebbe dare luogo a uno stravolgimento dei risultati tra due settimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ariete84

    06 Giugno 2016 - 14:02

    Beh. C'è qualche bolognese che si è svegliato! Si è accorto di che cloaca è diventata la dolce Bologna di un tempo, e si è redento? Non ci posso credere. Ancora troppo poco, ma c'è qualche speranza per il futuro.

    Report

    Rispondi

  • RatioSemper

    06 Giugno 2016 - 13:01

    Con Borgonzoni via i centri sociali, i clandestini e gli zingari da Bologna. Ma i "vecchi comunisti" a Bologna sono tanti.......e tutti sudditi fedeli!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    06 Giugno 2016 - 12:12

    Ma secondo il parolaio va tutto bene.......

    Report

    Rispondi

blog