Cerca

Retroscena

La mossa per cacciare Minzo dal Senato: la vendetta del big per il "canguro"

Augusto Minzolini

Augusto Minzolini

Sarà ora l' aula di palazzo Madama a votare la decadenza del senatore Augusto Minzolini sulla base della legge Severino, dopo che è diventata definitiva la condanna superiore ai due anni per la vicenda dei rimborsi spese da direttore del Tg1 con la carta di credito aziendale.  Proprio mentre l' istruttoria stava facendo il suo corso regolare davanti alla giunta per le immunità, e lo stesso Minzolini aveva chiesto di essere ascoltato insieme al proprio difensore di fiducia, al presidente della giunta, Dario Stefano, è arrivata una telefonata furibonda del presidente del Senato, Piero Grasso, in cui si accusava la giunta stessa di avere perso fin troppo tempo nella vicenda, e si chiedeva di prendere subito una decisione. A Minzolini non è stata concessa l' audizione con il legale, ed è arrivato così il voto che ha dato parere favorevole alla decadenza, motivato sostanzialmente come atto dovuto dalla relatrice Pd, Doris Lo Moro. Il voto ha spaccato però la giunta stessa, perché è finita 11 a 9 ed era pure assente un componente di Forza Italia per motivi familiari. Un membro di giunta del Pd, Giorgio Pagliari, si è quasi scusato per il suo voto favorevole, «non nascondendo una certa sofferenza umana e personale in ordine alla vicenda processuale del senatore Minzolini che presenta oggettivamente alcuni aspetti controversi».


Come è emerso dal dibattito, gran parte della commissione ha colto nella vicenda giudiziaria il classico "fumus persecutionis", anche perché dopo essere stato assolto in primo grado, Minzolini è stato condannato in appello a pena superiore a quella chiesta dal pm da un collegio di cui faceva parte Giannicola Sinisi, ex parlamentare dell' Ulivo che fu sottosegretario nei governi di Romano Prodi e Massimo D' Alema.  Anche il capogruppo Pd, Luigi Zanda, è parso imbarazzato con i colleghi di Forza Italia per l' improvvisa accelerazione della pratica, e ha attribuito al pressing di Grasso l' evoluzione. Secondo le ricostruzioni, il presidente del Senato si sarebbe legata al dito un' altra vicenda di alcuni mesi fa, quando proprio Minzolini lo aveva denunciato alla Cedu per l' utilizzo della regola del canguro che aveva fatto decadere gli emendamenti alle riforme. Decisione che a Grasso è sembrata quasi un dispetto verso la sua persona, anche se la denuncia è stata presto archiviata.

F.B.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jborroni

    11 Giugno 2016 - 11:11

    Minziolini....finalmente andra' a minzionare le sue cazzate da un'altra parte...non se ne sentira' di certo la mancanza....e gli Italiani risparmieranno un bel po' di soldi visto quello che ci costa

    Report

    Rispondi

  • jborroni

    11 Giugno 2016 - 11:11

    le leggi ci sono e devono essere rispettate, anche da chi scodinzola come Minziolini. Ma quando ci libereremo di queste sanguisughe, messe li' solo a scaldare sedie """costose per gli Italiani""" da altrettanti cerebrolesi politicanti? Ci vorrebbe una MIKA che aggredisca solo questa gente

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    10 Giugno 2016 - 18:06

    Minchiolinni vuole sodi...del resto se ne frega.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    10 Giugno 2016 - 16:04

    Minkiolini condannnato: questa si che è giustizia!!! Era ora!!! Molto ma molto bene!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog