Cerca

Un comico al Colle

Grillo: "Andrò io al Quirinale da Napolitano per le consultazioni"

Grillo: "Andrò io al Quirinale da Napolitano per le consultazioni"

Beppe Grillo incontrerà al Quirinale Giorgio Napolitano in qualità di rappresentante del Movimento 5 Stelle. Sarà il comico, forse in compagnia del suo guru Gianroberto Casaleggio, il referente del presidente della Repubblica durante il complicato giro di consultazioni per capire se in Parlamento si può formare una maggioranza e, nel caso, indicare un eventuale premier. Non è uno scherzo, visto che l'annuncio lo ha dato lo stesso leader morale dei 5 Stelle, non candidato né candidabile e che ha sempre escluso ruoli "esecutivi" o istituzionali. Eppure, Grillo all'indomani del clamoroso trionfo del suo movimento alle elezioni politiche, si è dato in pasto agli "odiati" giornalisti davanti alla propria villa genovese e ha raccolto i frutti del successo. Intanto però tra i grillini c'è panico. Non vogliono Beppe al Colle e allora lo dicono chiaramente. A farlo è un candidato alla Camera, Massimiliano Gambardella che risponde seccamente: "Grillo al Qurinale? E' una battuta. Al Colle ci va il capogruppo"



"Voteremo legge per legge"
- Non solo vezzo, comunque, perché Grillo e i grillini contano tanto, eccome. Primo partito alla Camera per numero di voti, forza non ignorabile al Senato, Napolitano dovrà tenerne conto così come tutti gli altri partiti. Il Pd sta pensando a offerte clamorose (tipo governo insieme), loro ribadiscono il diktat "niente inciuci" ma bisogna capire cosa significherà alla prova dei fatti. "Vedremo quando saremo dentro il  Parlamento, non siamo mica contro il mondo", spiega pacato ai cronisti che lo attendono come l'uomo del giorno. Occhiali da sole, lingua sciolta, Beppe sottolinea che la valutazione sarà "legge per legge, riforma per riforma". "Se vi sono proposte che rientrano nel nostro programma", dunque il Movimento 5 Stelle non avrà difficoltà a votare sì. Anti-sistema, dunque, ma non a priori. 

"Dario Fo al Quirinale" - Certo, resta il dettaglio un po' folkloristico di un partito senza un leader in parlamento e senza un candidato premier vero. Anzi sì, sarebbe Dario Fo, citato come tale dallo stesso Grillo tra il serio e il faceto sul palco di Milano, nel grande comizio di 10 giorni fa in Piazza Duomo. E non a caso l'idea di Grillo è quella di portare lo stesso Fo da Napolitano. Idea strana, non irrituale quanto, per la verità, l'idea che a guidare la consultazione dei 5 Stelle sia appunto Grillo, uno che di fatto non ha alcun ruolo uffiale nel Movimento se non quello di "megafono" mediatico. Ma c'è qualcosa in più. Fo salirà al Quirinale non solo come candidato premier ad honorem dei grillini, ma pure candidato futuro presidente della Repubblica
"Io ho una mia idea personalissima - ha spiegato serio Grillo -, Dario Fo è un Nobel, è famoso nel mondo, ha una lucidità fantastica. Abbiamo bisogno di queste menti". A questo punto, perché non pure Adriano Celentano al Quirinale?

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabrizioch

    02 Marzo 2013 - 18:06

    ma Beppe Grillo è ancora il Leader? calma caro Gambardella, se stai per diventare Qualcuno di importante in italia, lo devi a Beppe, non dimenticarlo......

    Report

    Rispondi

  • giannistecca

    02 Marzo 2013 - 18:06

    Chi va e chi vien e chi lo ciapa in c......se lo tien. Ecco, a prenderlo siamo noi tutti italiani calmi, rispettosi delle regole, cresciuti forse in epoca "antica" dicono loro, ma dove almeno si era capaci di convivere. Stiamo entrando nella giungla della politica italiana. Chi cerca di prostituirsi al vincitore e non ci riesce. Chi fa promesse che al confronto quelle di Berlusconi al confronto fanno perfino ridere. Stiamo scivolando pian piano nel ridicolo, nella commedia all'italiana, nel cabaret sboccato e pieno di sottintesi comici. Da un pezzo l'Italia, anzi i politici italiani fanno pena. E quello che più mi rammarica è che tutto scorre come se nulla sia successo e che nulla succederà. Pantarei dicevano gli antichi. Mah.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    02 Marzo 2013 - 18:06

    dice che lui, in quanto condannato, non ha potuto candidarsi. ma un condannato può esser capo di un partito, anzi comandare su tutti. grillini e non grillini. Ma crede di avere pieni poteri o li vuole avere?

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    27 Febbraio 2013 - 01:01

    se andrà al Quirinale porterà un mazzo di carte così potrà fare il tressette col morto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog