Cerca

Il giorno dopo la sconfitta

Scatta la resa dei conti dentro il Pd: chi vuole prendere il posto di Renzi

Matteo Renzi non ha tergiversato: ha ammesso la sconfitta il giorno dopo la batosta dei ballottaggi. Tuttavia ha sottolineato che lui non molla di un centimetro anche se "ala luce di quello che è successo dobbiamo per forza rivedere le cose. E, in questo senso, ci fa bene questo risultato, perché ci fa capire che cosa dobbiamo cambiare. Il rinnovamento deve andare avanti". Il premier sta pensando, come emerge in un'analisi sul Corriere della Sera,  a una nuova squadra del Pd. Insomma, vuole rottamare il vecchi partito. E pensa a una nuova squadra dentro ci potrebbe essere il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina che potrebbe anche avere il ruolo di vicesegretario unico. Si pensa ancora a Vasco Errani e al presidente della Toscana Enrico Rossi.  Debora Serracchiani, invece, potrebbe finire tra le rottamate. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    21 Giugno 2016 - 14:02

    Adesso salga al colle dall'amico suo pro-immigrati e dia le dimissioni.

    Report

    Rispondi

  • aaronrod

    21 Giugno 2016 - 13:01

    Ma esiste ancora il PD ? Forse si potrebbe fargli un restayling no? Magari metterlo in liquidazione poi chiuderlo e riaprirlo con un nome piu figo e moderno.

    Report

    Rispondi

  • eden

    21 Giugno 2016 - 11:11

    Le nuove cariati che avanzano.

    Report

    Rispondi

  • encol

    21 Giugno 2016 - 11:11

    NON ce ne frega nulla di ciò che fanno nel PD ( PCI,PDS,DS,PD) per gli italiani DEVE togliersi di torno. E' un buffone con tanti fichi secchi nella testa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog