Cerca

L'analisi

Paolo Becchi: "Il centrodestra ha perso. Perché? Quell'errore imperdonabile..."

Paolo Becchi

Se il M5S è il vero vincitore di questa tornata delle amministrative, non si può certo fare a meno di notare che il grande assente e sconfitto è il centrodestra.

A Varese la Lega Nord subisce un duro colpo nella città protagonista dell’ascesa storica del partito del Carroccio, e nella quale si era presentato capolista uno dei suoi leader storici, Roberto Maroni. La rincorsa del moderatismo a tutti i costi da parte di Forza Italia si è rivelata perdente, e l’imitazione dello schema del Pd, alla fine finisce per premiare proprio quest’ultimo. È accaduto a Milano, dove sostanzialmente l’asse di centrodestra ha presentato un candidato, Parisi, che appariva un clone del candidato del Pd, Sala.

La gente piuttosto che la brutta copia, ha scelto l’originale. Nemmeno ha aiutato in questo la presa di distanza di Berlusconi sul tema dell’uscita dall’euro e della critica alle politiche comunitarie, confinando le due questioni nel campo dell’estremismo politico. Un errore, se si pensa che se c’è un elettorato che è stato danneggiato in maniera pesante dalla moneta unica, quello è proprio il popolo delle partite Iva tanto caro al presidente Berlusconi. Se si continua sul terreno dell’imitazione del Pd renziano, il centrodestra andrà incontro all’estinzione certa.

Le destre europee in Francia con il Fronte Nazionale, in Germania con Alternative für Deutschland e in Austria con il Fpo, stanno conoscendo un notevole successo non certo perché assumono posizioni timide nei confronti dell’Ue e dell’euro, ma perché parlano direttamente al cuore dell’elettorato di centrodestra, che sente il bisogno di chiarezza e determinazione di fronte ad un’Europa che più volte si è dimostrata irriformabile.

Non ha senso parlare di estremismo di questi partiti, dal momento che al loro interno accolgono pensionati, famiglie, imprenditori, professionisti e persino operai che sentono queste formazioni politiche molto più sociali della cosiddetta sinistra europea.

Non bastano Salvini e Meloni a raccogliere questo enorme bacino elettorale, poiché il primo appare confinato solidamente nelle regioni del Nord, seppur con dei sensibili cali, e la seconda si rivela adeguata solo per la piazza romana, senza mostrare la capacità di respiro nazionale che un grande leader di centrodestra dovrebbe avere. È da notare che nella dinamica dei flussi elettorali, non solo una parte degli elettori di centrodestra si è astenuta o ha votato Pd, ma è finita tra le braccia del M5S proprio nella convinzione che il movimento grillino sia contro l’Europa, quando in realtà è stato proprio Di Maio a fare mea culpa davanti ai 28 ambasciatori dell’Ue, tanto da arrivare a parlare di «troppa durezza» nei riguardi dell’Europa.

Ma il M5S mentre da un lato afferma di volere un fantomatico referendum sull’euro, dall’altro non mostra alcuna seria intenzione di abbandonare la moneta unica.

Il segreto del successo del M5S sta proprio in questo, dare l’illusione a una parte del suo elettorato che esso sia di ispirazione «sovranista», mentre allo stesso tempo siede nei salotti europei e promette, se eletto al governo, di fare robusti tagli alla spesa pubblica e di osservare scrupolosamente le direttive di Bruxelles. Lo vedremo anche a Torino e Roma, quando le due candidate elette inizieranno l’austerity a livello comunali in queste due città. Occorrerà del tempo per capire cosa è veramente il M5S, e per molti sarà un brusco risveglio.

di Paolo Becchi e Cesare Sacchetti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antipifferaio

    23 Giugno 2016 - 09:09

    Ottimo articolo, è quello che penso da sempre sulle 5 stelline nascenti...Quando la gente capirà di che pasta sono fatti crolleranno in 2 giorni com'è successo dopo l'exploit alle ultime politiche. Per risollevarli ci è voluto un Renzi fallimentare e purtroppo anche un Cav. palesemente alleato dello stesso...purtroppo!

    Report

    Rispondi

  • Piranhaottavo

    22 Giugno 2016 - 09:09

    Molto diplomatico Becchi . . poteva solo dire che l'arroganza paga . . eccome !

    Report

    Rispondi

blog