Cerca

In orbita

Il sondaggio choc di Pagnoncelli: M5S, numeri mai visti

Il sondaggio choc di Pagnoncelli: M5S, numeri mai visti

Numeri mai visti per il Movimento 5 Stelle. Il sondaggio di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera, in controtendenza rispetto a quello di Emg Acqua per il TgLa7 e disegna scenari catastrofici tanto per il Pd (confermato in calo) quanto per il centrodestra (che registrava un sorprendente aumento nella rilevazione di Enrico Mentana).

Forbice clamorosa - Anche Pagnoncelli certifica il sorpasso generale del M5S sul Pd: 30,6% contro il 29,8%, con sofferenza di Forza Italia (12,2%, in caldo di un punto) e Lega Nord (12,4%, -0,7). Ma a strabiliare sono i dati dell'eventuale ballottaggio previsto dall'Italicum. Non c'è gara coi grillini, che stravincerebbero sia in confronto diretto con il Pd (56,5%, con ben 13 punti di distacco) e con l'ipotetica coalizione di centrodestra (con una forbice addirittura di 20 punti). Di più. Anche ammesso che il Pd riesca a trovare l'accordo con altre liste di sinistra, i 5 Stelle vincerebbero in scioltezza: 54,5% a 45,5.

Tutti gli elementi pro-M5S - A condizionale le preferenze, sottolinea Pagnoncelli, sarebbero i recenti risultati elettorali alle Comunali, che avrebbero fatto fare al Movimento il definitivo salto di qualità: da voto di protesta a voto di governo. Un anno fa soltanto un quarto degli italiani (25%) riteneva i grillini adatti a guidare il Paese, oggi la quota è cresciuta oltre il 40 per cento. A pesare anche le incertezze del Pd di fronte alla crisi economica e l'orizzonte del referendum costituzionale, vissuta dagli elettori più come una spada di Damocle sulla testa del premier Matteo Renzi che come un naturale passaggio in grado di ridare slancio al governo. Tutti elementi che, in questo momento, giocano a favore dei 5 Stelle. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • COUNSELOR

    06 Luglio 2016 - 15:03

    Poveri beoti che votano i grillini, rimpiangeranno D'Alema, Prodi e Renzi.

    Report

    Rispondi

blog