Cerca

Campidoglio amaro

Lei sindaco da un giorno, e papà... la (letale) profezia di Lorenzo Raggi

Lorenzo Raggi: "Se mia figlia fallisce a Roma, il M56 muore"

Ex informatico della Telecom, con vena ironica e battuta pronta, il papà di Virginia Raggi è un vero personaggio. Non ha nessun imbarazzo a confrontarsi con i giornalisti nel giorno del debutto della figlia in Campidoglio come sindaco di Roma. Lorenzo Raggi non fa giri di parole: "Se fallisce Virginia, fallisce il M5S". Un parere netto, che assume sinistramente il contorno di una "gufata". Il padre, inoltre, parla delle indiscrezioni relative al contratto che la figlia avrebbe firmato con la Casaleggio & Associati: "Serve solo a evitare passaggi con altri partiti, ma lei è libera", riporta il quotidiano Il Messaggero.

E ancora, sciolto e spiritoso: "Ragazzi, devo riprendermi: l' altro giorno stavo davanti al Papa. Chi votavo prima? Il partito della pagnotta. Se sono massone? Sì, ho un masso molto grande a casa. Marino era meglio di Giachetti, almeno Ignazio si dimise da senatore".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bolinastretta

    08 Luglio 2016 - 17:05

    beh una cosa è certa l orecchie le ha prese dal babbo!

    Report

    Rispondi

  • Maurizio_48

    08 Luglio 2016 - 11:11

    Mariti abbandonati... parenti spiritosoni... figli ostentati in pubblico... tutti che sgomitano per avere il proprio quarto d'ora di notorietà mah... il prossimo sindaco lo vorrei orfano... celibe... senza figli...

    Report

    Rispondi

blog