Cerca

Salvini inviato speciale a Milanistan: "Cacca e pipì e non chiamateli profughi"

Salvini inviato speciale a Milanistan: "Cacca e pipì e non chiamateli profughi"

Matteo Salvini pubblica un post su Facebook in cui dimostra come Milano sia invasa dai profughi. Alla stazione di Milano dimostra come in pieno alla stazione "profughi, presunti tali, pisciano e cagano...". Ecco quindi  Salvini nei panni di un inviato molto speciale che si domanda cosa possano pensare i turisti stranieri appena arrivati....

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • CASSIODORO1

    12 Luglio 2016 - 08:08

    Fare i repingimenti in mare riportandoli alle loro basi e chi tenta di passare ugualmente affondarlo. Creare campi di concentramento sulle isole per mettere tutti gli irregolari e poi imbarcarli per la LIBIA da dove sono venuti

    Report

    Rispondi

    • papesatan

      13 Luglio 2016 - 09:09

      Cassiodoro, io non chi sei,ma so che le persone come te non dovrebbero avere diritto di cittadinanza nell'intero globo!

      Report

      Rispondi

  • burago426

    11 Luglio 2016 - 18:06

    stiamo importando tutta l'Africa ma quella fancazzista. Niente facevano la e niente fanno e faranno qua. La sinistra è occupata a spogliarci dei nostri beni e le due cose si collimano benissimo. I sinistroidi avevano bisogno di un pretesto che npn andasse contro la costituzione e si sono inventati i profughi.Quelli sì che è un poretesto per toglierci i beni, dicono per aiuatre il prossimo.Morite!

    Report

    Rispondi

  • burago426

    11 Luglio 2016 - 18:06

    ma alla stazione si paga e non è nella loro cultura pagare, ormai abituati come sono.

    Report

    Rispondi

  • Maddalenamaria

    11 Luglio 2016 - 18:06

    Augusto Martini l'unica puzza insopportabile in Italia e quella tua e quella dei tuoi amici africani. La Boldrina ha caldo ha bisogno d'Africa vai a coccolare la donna che ha distrutto l'Italia tu e i tuoi amici dei centri sociali che siete il primo cancro di questo paese.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog