Cerca

"Telefonata" con Belpietro a Mattino 5

Maroni sicuro: "Si rivota
tra due anni. Entro il 2015
la macroregione del Nord"

Il neo-governatore della Lombardia: "Andiamo a Roma a trattare sulle tasse approfittando del fatto che in padania c'è un governo forte e nella Capitale no"
Maroni sicuro: "Si rivota
tra due anni. Entro il 2015
la macroregione del Nord"

 

E' un Roberto Maroni che si dà una prospettiva di due anni, quello che parla col direttore di Libero Maurizio Belpietro nella "Telefonata" di Mattino 5. Non, il neogovernatore lombardo non pensa di lasciare la carica appena assunta nel 2015. Ma si dice sicuro che tra 24 mesi si tornerà al voto per le politiche, nello stesso anno in cui andranno a votare anche gli elettori di veneto e Piemonte per le regionali. "Abbiamo due anni per concretizzare il nostro obiettivo, che è quello della macroregione del Nord sul modello di Catalogna e Baviera, guidata entrambe da partiti a connotazione fortemente territoriale" spiega il nuovo inquilino del Pirellone. "Appena la situazione a livello di governo si sarà chiarita noi andremo a trattare. Il nostro punto di forza è che il Nord ha un governo forte e stabile, diversamente da quello che ci sarà a Roma". L'obiettivo è quello di trattenere "almeno il 75% delle imposte nelle regioni d'origine del Nord" ribadisce Bobo

Guarda il video dell'intervista a Maroni su Libero TV

La Lega, però, non è andata bene, in questa tornata elettorale delle politiche, fa notare Belpietro al numero uno del Carroccio. "E' vero, ma ce lo aspettavamo" replica lui. "Per questo l'importante era vincere in Lombardia. Una vittoria politica che apre una nuova fase della vita politica della Lega e del futuro del Nord. Ora il partito ha una prospettiva concreta alla quale lavorare". E la promesa di lasciare la carica di segretario? "a manterrò sicuramente. Ho sempre detto che voglio concentrarmi unicamente sul mio compito di governatore... quanto al successore pensiamo a un giovane. Ma sarà la base a decidere, noi siamo un partito democratico".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • olgettino

    28 Febbraio 2013 - 10:10

    Quindi quando nel 2015 non ci sarà nessuna macroregione del nord si dimetterà e la legha si scioglierà? E' disposto a prometterlo oppure si inventerà qualche altra ba.lla?

    Report

    Rispondi

  • Lucyfarm

    27 Febbraio 2013 - 17:05

    Non voto lega nord, ma avendo apprezzato Maroni come ottimo ed efficientissimo Ministro degli Interni nel precedente governo Berlusconi,mi congratulo con lui per la sua vittoria. E tanti auguri per il suo progetto di macro regione .Luc

    Report

    Rispondi

  • LapuLapu

    27 Febbraio 2013 - 16:04

    una volta i berlusconiani erano 13,6 milioni oggi sono 7,3 i leghisti erano 3 milioni, oggi sono 1,3 si stanno squagliando come la neve al sole

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    27 Febbraio 2013 - 14:02

    Mi sembra di avertelo già detto una volta che sei un cogli@ne e,se non è mai capitato te lo dico ora! Stai parlando di"ultimi"berlusconiani?Cioè di circa 11 milioni di elettori,quanti ne ha avuti il Pd più o meno! Pensa brutto incompetente che,Grillo ha ricevuto i consensi di circa 4 milioni ex centro destra,e ALTRETTANTI di centrosinistra.A bocce ferme i leghisti che si sono messi con Grillo ritorneranno all'ovile,appena il comico avrà mostrato a tutti la differenza che c'è tra sbraitare nelle piazze e mettersi a governare nelle camere!Lo ha capito Silvio 15 anni fa,lo ha capito Bossi appena si è scontrato con le logiche di governo e lo capiranno i GRILLONES e Grillo tra qualche settimana!Nonostante questo,i cogli@ni come te non si estingueranno mai,nemmeno se cadesse sulla terra un meteorite grosso come il Texas!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog