Cerca

Grana per Grillo e Casaleggio

M5S, la sentenza: "Illegittime le espulsioni". L'ex: ora boom di richieste danni

M5S, la sentenza: "Illegittime le espulsioni". L'ex: ora boom di richieste danni

"Il Movimento 5 Stelle è un partito e l'espulsione dei dissidenti è illegittima". La sentenza del Tribunale di Napoli rischia di costare molto caro, letteralmente, ai grillini. Massimo Artini, ex parlamentare dei 5 Stelle cacciato per "mancata rendicontazione" (uno dei Comandamenti del "non statuto" M5S) spiega al Giorno cosa potrebbe accadere ora: "Hanno sempre avuto la presunzione di essere superiori a queste cose, un po' per superficialità, un po' per arroganza. Per loro, più la legge è fumosa dal punto di vista dell'interpretazione, più ci sguazzano. Anche questa faccenda di non volersi chiamare partito poteva avere un senso se avessero dato anche una concretezza giuridica al Movimento. Invece loro si sono sempre rifiutati, proprio per poter fare come pareva a loro, soprattutto da parte della Casaleggio associati". In ballo però non c'è solo una questione di politica e ideali: "Credo che loro adesso rischino una marea di ricorsi, ma soprattutto che rischino un sacco di cause civili per danni. Con le loro espulsioni hanno massacrato inutilmente molte persone. E solo perché questi non obbedivano. Se questo accade, per la Casaleggio è la rovina". Artini però non confida in un cambio di strategia dei suoi ex compagni: "Guardate cosa sta succedendo a Roma: la mancanza di regole porta a forme di nepotismo preoccupanti. Tutto questo rimarrà così almeno fino a quando le redini di tutto saranno nelle mani della Casaleggio Associati. Che ha altri interessi, non certo quello di diventare trasparente davanti all'elettorato e al Paese. Non ha alcuna convenienza a farlo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog