Cerca

Appello al "vincitor perdente"

Bersani, per il bene dell'Italia, dimettiti da tutto

Bersani, per il bene dell'Italia, dimettiti da tutto

Per il bene dell'Italia, Pierluigi Bersani si dovrebbe dimettere. Non solo dalla segreteria del Partito democratico, questione tutta interna al Pd (e peraltro decisione già annunciata da Bersani, si tratta solo di capire i tempi), ma dal suo ruolo di candidato premier "obbligato". Ruolo tragicomico e assurdo, visto che nella storia Pierluigi ci è entrato come il vincitore più perdente di sempre. Per usare le sue meste parole, "siamo arrivati primi ma non abbiamo vinto". Un paradosso che nemmeno il suo predecessore Romano Prodi aveva potuto usare nel 2006, quando almeno lui poteva vantarsi di essere arrivato secondo ma aver vinto grazie alla legge elettorale. Oggi è l'esatto opposto. Bersani è il leader più debole dell'arco parlamentare italiano, Monti escluso. Ha un partito spaccato come una mela. Un avversario, Beppe Grillo, che lui vorrebbe alleato e che invece lo sta prendendo a pesci in faccia. Un interlocutore, Silvio Berlusconi, che non sa se parlare con lui o con D'Alema. Infine, all'estero si presenterebbe ai vertici internazionali non solo senza credibilità, ma pure senza forza rappresentativa.

Errori strategici gravissimi - Secondo molti, Bersani avrebbe già dovuto fare un passo indietro lo scorso autunno. Di fronte al rampante Matteo Renzi, il segretario avrebbe potuto rinunciare alla propria candidatura a Palazzo Chigi e aprire la porta al rottamatore che piaceva tanto ai delusi di centrodestra e pure a qualche incerto poi virato sul Movimento 5 Stelle. Invece ha tenuto duro, ha puntato sulla sinistra, vinto la partita delle primarie e perso, malamente, quella con gli italiani che di sinistra non sono ma avrebbero votato per un Pd moderato. Il guaio è che, sicuro di diventare premier, aveva già preparato le poltrone per chi negli anni l'ha sostenuto a corrente alternata, come Walter Veltroni e Massimo D'Alema. E che ora, senza voti in Parlamento e con la prospettiva di un'alleanza con Grillo, sono già pronti a scaricarlo di nuovo.

Bivio Grillo - La strategia dei volponi Veltroni e D'Alema non è né casuale né ideologica, ma diremmo situazionista. Entrambi hanno aspramente criticato le offerte di Bersani ai 5 Stelle, perché sanno che l'unico modo di prendere quelle poltrone a suo tempo promesse è, altro paradosso, trovare un'intesa con il nemico di sempre, Berlusconi. Sono contro Grillo soprattutto perché vogliono il governissimo, un'alleanza pro tempore con Pdl e montiani in cui strappare una posizione di spicco in ragione dello "spirito di responsabilità".

Gogna all'estero - Quello "spirito di responsabilità" che doveva consigliare a Bersani di non aprire la porta a Grillo, che propone (da tempo) idee come il referendum per uscire dall'euro e, più fresche, come l'abolizione delle pensioni e degli stipendi dei dipendenti pubblici in cambio del reddito di cittadinanza. Misure forti, al limite della follia per molti e tra questi sicuramente i vertici dell'Unione europea. Quei vertici cui dovrebbe presentarsi l'eventuale premier Bersani, per rassicurare sulla tenuta del "sistema-Italia". E poi a sinistra si lamentano pure se lo spread sale alle stelle...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lillignocchi1

    02 Marzo 2013 - 09:09

    Doveva aspettarselo sapendo sin dall`inizio che avrebbero mandato LUI in avanscoperta per salvarsi il culo. Fara' la stessa fine anche Fassina, altro che non sa neppur parlare ma nei momenti difficili ha presentato la Sua faccia al posto loro...COMUNISTI SONO...questo e'...

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    01 Marzo 2013 - 10:10

    Dal primo momento ha dimostrato di avere un polso debole. Anche il suo modo di esprimersi lo rende poco credibile. Verrà sostituito come già è avvenuto per politici della stessa risma. Vedi l'ideatore dell'ulivo.

    Report

    Rispondi

  • blackbird

    28 Febbraio 2013 - 11:11

    Questa volta il PD esa strasicuro di vincere le elezioni senza fare neanche la campagna elettorale, per questo i vecchi (non solo anagraficamente) dirigenti del Partito hanno voluto Bersani (candidato) Premier. Con un simile Primo Ministro avrebbero potuto riceve i compensi da tampo attesi, le poltrone sarebbero state distribuite in base ai meriti partitici. Renzi rappresentava la rottura con il passato, voleva allontanare tutta la vecchia guardia: un "rivoluzionario" inaffidabile, come tutti i rivoluzionari (Lein e Stalin e Castro li hanno segati tutti i loro compagni d'avventura). Per questo nel momento critico si sono stretti attorno al vecchio capo, mantenendolo in sella. Non hanno capito che gli italiani volevano "solo" il rinnovamento di una classe politica inadeguata, incapace, litigiosa, arruffona e ladra. Ora, hanno bruciato anche Renzi, vallo a trovare un altro credibile!

    Report

    Rispondi

  • Google

    28 Febbraio 2013 - 10:10

    ....che dice si al M5S e non al governissimo, prima di scrivere ca.... informatevi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog