Cerca

Cos'è accaduto a casa del Cav

Parisi, nuovo leader di Forza Italia. Retroscena: quel vertice ad Arcore

Stefano Parisi e Silvio Berlusconi

«Ciao, come avrai forse letto sui giornali, e come avevo anticipato nel nostro ultimo incontro al teatro San Carlo, le elezioni milanesi non sono state la pagina finale del nostro percorso comune, ma solo l’inizio». Sono le prime righe della chiamata alle armi di Stefano Parisi. Una mail che l’ ex candidato sindaco di Milano ha inviato a chi lo ha sostenuto in questi mesi. Nella missiva Parisi spiega in maniera sintetica i punti chiave del suo progetto e da appuntamento per il 16 e 17 settembre, quando «ci ritroveremo tutti per far si che da Milano parta una rigenerazione del centro-destra prima e del paese poi. Il cantiere è appena partito». Una Leopolda di centrodestra (anche se il termine pare non piacere affatto all’ex manager) convocata per «discutere di idee e mettere a fuoco la nostra proposta».

Di questo e del suo futuro ruolo di federatore del centrodestra ne ha parlato ieri sera a cena ad Arcore con Silvio Berlusconi. A conferma che quell’intervista alla Stampa non era un’uscita avventata (come molti nel centrodestra l’avevano definita), ma un passo ben ponderato e concordato col capo degli azzurri. Berlusconi ha capito che a differenza di tanti altri capetti Parisi ha il «quid» per ridare entusiasmo ad un’area politica che da anni ha scelto di non andare a votare. In più l’ex manager può essere un valido freno all’esuberanza di Salvini che, dicono gli azzurri, è sempre meno tollerato da Berlusconi che con lui proprio non riesce a legare.

Dalla sconfitta di Milano, però, il Cavaliere ha capito che con una faccia credibile e un partito fortemente rinnovato si può tornare su percentuali importanti (nel caso specifico al 20%) e staccare la Lega che dopo il boom nei sondaggi sembra attraversare un momento di stanca e di malumori interni. Col duello Maroni-Salvini che pare destinato a trascinarsi fino alle prossime elezioni, quando i nodi (e le divisioni) verranno inevitabilmente al pettine.

Del resto Parisi anche in queste ore sta dimostrando di essere un formidabile collante. Dopo aver conquistato Fedele Confalonieri e Gianni Letta, che con Berlusconi hanno ripreso in mano le redini del partito per provare a riformarlo, Parisi sabato era a Taormina con Lupi e lo stato maggiore di Area Popolare, dove è intervenuto alla scuola di formazione. Della Lega abbiamo in parte detto e i mugugni raccolti a Treviglio su alcune questioni (moschee e non caduta del governo Renzi in caso di sconfitta al referendum) non sembrano aver scalfito la sua aurea tra i non salviniani osservanti. E non è un caso che molti azzurri nelle ultime ore abbiano rotto gli indugi telefonando a Parisi per mettersi a disposizione. Una lista, pare, molto lunga dalla quale iniziano a filtrare i primi nomi: Gianfranco Miccichè, Antonio Tajani e Francesco Giro.

Che Parisi sia sempre più lanciato alla guida del centrodestra, poi, è intuibile anche dal fatto che ieri, alla presentazione del «Comitato del centrodestra per il no al referendum» organizzato dal segretario della Lega Lombarda Paolo Grimoldi, il suo nome aleggiava come un fantasma. Nessuno l’ha invitato («ma doveva essere solo per i coordinatori regionali» ha spiegato Grimoldi), lui non s’è fatto vedere, ma era al centro di tutti i discorsi. E anche i più freddini come Daniela Santanché ha ammorbidito le sue posizioni, mentre Mariastella Gelmini e Laura Ravetto hanno ribadito che «Forza Italia è aperta al contributo di Parisi». Anche Maroni (e con lui Grimoldi) non s’è mosso di un passo ribadendo che «Parisi è uno dei possibili leader del centrodestra». Così è toccato a Paolo Romani e Ignazio La Russa il compito di punzecchiarlo un po’: «i leader non nascono sotto i cavoli e l’idea liberal-popolare non è una novità. Siamo tutti d’accordo» ha spiegato l’azzurro; «se si fosse espresso per il “no” già al ballottaggio, avremmo preso qualche voto in più...», la critica di La Russa.

di Fabio Rubini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • JamesCook

    27 Luglio 2016 - 18:06

    Finisco il ragionamento precedente...... Berlusconi... : meglio perdere le elezioni che perdere le aziende i segnali sono inequivocabili la francese VIVANDI' non vuole avere niente a che fare con la destra di Salvini!! (fuori dall'Europa) la mossa di Berlusconi scegliendo Parisi è stato un atto di sottomissione a Bollorè

    Report

    Rispondi

  • JamesCook

    27 Luglio 2016 - 18:06

    Quelli del centrodestra non se ne andranno mai sono dei falliti il loro unico sostentamento viene dalla politica...... nessun cambiamento fino che ci saranno i soldi di Berlusconi, ci voleva un Socialista per cambiare forza italia? Sapete che Parisi è stato un fondatore dell'Ulivo? e collaboratore di Prodi? il Berlusca è tutto fuorchè uno stupido sa che le sue imprese con Salvini.... fallite!

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    27 Luglio 2016 - 16:04

    poverino perchè non si ritira visto i problemi di salute ed evita ulteriori figuracce tutti i suoi amici o pseudo tali tutti i suoi eredi designati lo hanno abbandonato o tradito o peggio si circonda della peggior pletora di politici e politicanti che lo usano e poi lo gettano vada ai caraibi a godersi i soldi guadagnati e ci liberi di queste sceneggiate

    Report

    Rispondi

  • heinreich

    26 Luglio 2016 - 15:03

    è la conferma che FI è alla frutta

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog