Cerca

Il professore a Bruxelles

Ue, Monti: "L'Europa non faccia vincere i populismi"

Mario scornato in Italia si rifugia all'estero. Spara contro Grillo e Berlusconi e punge la Francia: "Rinvio sul deficit mina la credibilità dell'Unione"

Ue, Monti: "L'Europa non faccia vincere i populismi"

"Bisogna evitare che i populismi facciano deragliare le politiche europee". Un Mario Monti sempre più solo e disperato si aggrappa agli unici che lo ascoltano, i papaveri europei. Il premier, ormai prossimo a lasciare Palazzo Chigi e reduce dalla batosta elettorale, ha proseguito il suo tour all'estero alla ricerca di sponsoro e dopo aver visto il presidente della Commissione europea Josè Barroso, giovedì mattina è intervenutp all'European Competition Forum sempre a Bruxelles. "Ci deve essere - ha detto il professore - una strategia di accompagnamento, non di accomodamento, che deve essere perseguita a livello europeo, a meno che non vogliamo permettere che,   comprensibilmente, forze più semplicistiche, alcuni direbbero populistiche, ma non voglio dare nessun giudizio, tendano a far deragliare le politiche europee". Il riferimento, ovvio, è al Pdl e soprattutto il Movimento 5 Stelle, le due forze che, di fatto, lo hanno relegato ad un ruolo marginale in Parlamento. 

Monti contro la Francia - Il mirino di Monti, però, è puntato non solo su Berlusconi e Grillo, ma pure sul presidente francese François Hollande. "La credibilità delle politiche di riduzione del deficit che l’Italia ha perseguito negli ultimi mesi - ha ammonito il premier - può soffrire, se altri Paesi, in considerazione di difficoltà molto rispettabili, chiedono rinvii e li ottengono". Rinvio già ottenuto da Spagna, Grecia e Portogallo, ma che anche la Francia potrebbe incassare vista l'impossibilità di portare il deficit sotto il 3% del Pil entro il 2013. "E necessario contribuire alla credibilità delle politiche europee senza venir meno alle proprie responsabilità", ha spiegato Monti, chiarendo poi la posizione dell'Italia.

"Niente rinvio del pareggio di bilancio" - Il governo italiano, o almeno quello uscente, non ha dunque intenzione di seguire l'esempio francse: "Non abbiamo considerato l’ipotesi di chiedere il rinvio di un anno" del pareggio di bilancio strutturale. E pazienza se troppo rigore, come sostiene ora anche il commis
sario agli Affari economici dell'Ue Olli Rehn, può uccidere la crescita. Ma Monti tira dritto: "Quando sono arrivato al potere - ha ricordato a Bruxelles - il mio predecessore (Berlusconi, ndr) aveva appena concordato con l'Ue e con la Bce di   anticipare al 2013 il pareggio di bilancio strutturale per sostenere la credibilità dei suoi impegni politici". "E io, nonostante le condizioni molto dure, non ho considerato di chiedere di tornare al 2014". Anche per questo, l'Italia non deve avere fretta: "Abbiamo fatto progressi significativi per accrescere la concorrenza in vari settori, ma sappiamo che ci vuole tempo prima che le riforme producano risultati". Un tempo che gli elettori italiani, stremati dalle tasse, non gli hanno concesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tony_a

    28 Febbraio 2013 - 13:01

    monti, deve sparire! non hai capito che gli italiani ti hanno bocciato! Noi Italiani NON TI VOGLIAMO!! Lascia anche il titolo di Senatore che hai rubato come un "ladro di galline"!

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    28 Febbraio 2013 - 13:01

    Non lo mandate più in giro, rischia di continuare a fare danni.

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    28 Febbraio 2013 - 11:11

    Povero Pirla! non ha ancora capito che nessuno, nemmeno il suo cane, vuole stare ancora con lui. Monti non conta più niente, se ne vada in pensione, meglio se dalla Merkel. Sarebbe un bel gesto, forse l'unico suo, se rinunciasse alla nomina di senatore a vita e sparisse dalla circolazione.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    28 Febbraio 2013 - 11:11

    in italia sei finito, dilettante!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog