Cerca

La rilevazione

Tira aria nuova nei sondaggi: Grillo superato, il partito vola

Grillo, Salvini, Renzi, Berlusconi

Sono segnali. Piccoli, magari, ma pur sempre significativi. L' Istituto fondato da Nicola Piepoli ha rilevato negli ultimi giorni una crescita dei consensi per il centrodestra, il sondaggista intravvede un effetto-Stefano Parisi sulle intenzioni di voto degli italiani. Silvio Berlusconi è da giorni rinchiuso dentro la sua villa in Sardegna e da lì, dove trascorre molte ore camminando e facendo moto come prescritto dai medici, si confronta con il «consulente» che sta scrivendo una due diligence sullo stato di Forza Italia. Sull' Isola non c' è il via vai di un tempo, anche perchè le porte di Villa Certosa sono chiuse per tutti.

È stato il Cavaliere, che pure è reduce da una difficile trattativa per la cessione del Milan, ad invitare l' ex direttore generale d Confindustria a ricucire con Lega Nord e Fratelli d' Italia, a provare ad «includerli» come poi questi ha fatto, per mezzo di due interviste. Da una settimana a questa parte ci sono state alcune aperture, sembra diventato possibile che la Convention di settembre a Milano possa essere «unitaria», coinvolgere le diverse forze in campo. Non solo: il manager ha resistito a tutte le provocazioni, non ha risposto alle polemiche sollevate circa il suo ruolo da alcuni dirigenti importanti di Forza Italia, e ha mantenuto una immagine "fresca". Il risultato? «Stefano Parisi ricompatta il centrodestra e lo riporta al 32% di consensi, sopra il 28% dei Cinquestelle», rivela Nicola Piepoli.

Il sondaggista che in passato ha azzeccato un bel po' di previsioni sembra molto sicuro: «Per fortuna del centrodestra ancora nessuno se ne è accorto, ma lui è un buon leader e darà del filo da torcere a Matteo Renzi e ai suoi», ha aggiunto in una intervista a IlSussidiario.net. Se le intenzioni di voto si tramutassero in schede "vere" e fossero prossime le elezioni, il centrodestra potrebbe andare al ballottaggio e concorrere col premier uscente per la conquista di Palazzo Chigi. «Forza Italia prende il 12%, la Lega Nord il 12, Fratelli d' Italia il 4», stima ancora Piepoli. «Insieme ad altri partiti minori, possono arrivare al 32%», sfidare il Pd che, «da solo è al 32%», ma che potrebbe avvantaggiarsi del «3% dell' estrema sinistra e il 2% dei partiti minori». I primi "sconfitti" sarebbero dunque i pentastellati, che resterebbero fuori dalla sfida finale. Secondo Piepoli di qui ai prossimi mesi può comunque succedere di tutto. Innanzitutto, a suo dire, «i sì e i no al referendum» sono «appaiati» al 50%, inoltre la fiducia nel premier «è stabile», seppur inferiore a quella di «alcuni ministri» che godono di un consenso particolarmente alto.


Renzi, secondo Piepoli, «tira a campare», ma, «grazie alle sue idee pacifiste all' Italia sono stati risparmiati attentati terroristici...».

Anche su Parisi il vento potrebbe cambiare. Il «consulente» del Cavaliere - che trascorre le vacanze in Toscana - potrebbe avere una vita non facilissima anche a causa dell' ostruzionismo interno al partito. Ieri, per esempio, è stata vissuta come una - spiritosa? - provocazione una foto postata su Instagram da Daniela Santanchè, che ritrae l' ex sottosegretaria a Forte dei Marmi in compagnia del capogruppo al Senato Paolo Romani e del governatore Giovanni Toti che aveva come didascalia "Ecco il Patto del Twiga". I tre dirigenti forzisti hanno in comune solo una cosa: alcuna simpatia per l' ex manager di Chili. Quest' ultimo non sembra in alcun modo spaventato. Ed anzi starebbero continuando i suoi contatti con imprenditori e personalità delle professioni che potrebbero essere coinvolti nell' iniziativa di settembre.

Sono invece ancora in stand by gli inviti di Matteo Salvini per le sue iniziative, e cioè la manifestazione ferragostana a Ponte di legno e, più avanti, il tradizionale comizio di Pontida. L' europarlamentare non avrebbe ancora deciso se far salire su palco il consigliere politico del Cavaliere e la leader di Fdi o meno.

Paolo Emilio Russo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianni_miotto

    17 Agosto 2016 - 10:10

    E' sempre la solita menata: Si ricompattano per prendere i voti degli sprovveduti, degli ingannati così facendo ottengono qualche eletto in più, poi all'occorrenza si dividono: Chi andrà a rafforzare Renzi per un nuovo Governo e chi andrà all'opposizione. Solo chi vota può mettere fine a questa melina.

    Report

    Rispondi

  • ezechiele

    13 Agosto 2016 - 11:11

    non ci posso credere, ma chi è Parisi? ma in che paese vivo in cui c'è gente che supera altra gente senza che nessuno conosce tale gente... boh... forse esiste una regione italiana dentro cui vivono talmente tanta gente che fanno la differenza...loro forse conoscono questo Parisi

    Report

    Rispondi

  • ezechiele

    13 Agosto 2016 - 11:11

    non ci posso credere, ma chi è Parisi? ma in che paese vivo in cui c'è gente che supera altra gente senza che nessuno conosce tale gente... boh... forse esiste una regione italiana dentro cui vivono talmente tanta gente che fanno la differenza...loro forse conoscono questo Parisi

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    10 Agosto 2016 - 12:12

    ma quale partito o coalizione? diciamo che la qualcosa va bene per bocciare il referendum, ma è il contrario di ogni logica per governare il paese nel post renzismo Il paese del postrenzismo sarà come la città di roma moltiplicato per venti ed avete un'idea di cosa sarà la nostra italia ed allora ci vorrà un partito non a 5 ,ma a 1000 stelle...........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog