Cerca

Mossa politica

Silvio registra il marchio "Berlusconi"

Silvio registra il marchio "Berlusconi"

Il via libera non è ancora stato formalizzato, perché manca ancora la certezza che nessuno avanzi un reclamo per violazione del copyright. Per la prima volta Silvio Berlusconi ha deciso di registrare in Europa se stesso come un marchio da proteggere ed usare.
Poco prima delle vacanze estive il cavaliere ha infatti fatto depositare all' Euipo (European Union intellectual property office), l' ente europeo che protegge la proprietà intellettuale, la domanda di registrazione come marchio commerciale del suo cognome, «Berlusconi», che evidentemente finora non era protetto da copyright.

A occuparsi della pratica è stato uno studio specializzato finora mai utilizzato all' Euipo dal fondatore di Fi, il Perani & Partners di piazza San Babila a Milano, che raccoglie fra i massimi professionisti del settore, e nella domanda sono registrati per l' utilizzo commerciale di «Berlusconi» 29 macro-settori previsti dal trattato di Nizza. Sono più o meno gli stessi macro-settori già utilizzati da Berlusconi per registrare tutte le formazioni politiche (20 sigle) finora depositate presso l' albo dei marchi europei dal 2008 ad oggi. L' unica sigla politica registrata originariamente solo a Roma è Forza Italia, mentre dal Pdl in poi la pratica è stata depositata presso l' Unione europea, utilizzando quasi sempre lo studio specializzato Jacobacci & Partners. È possibile quindi che Silvio tenga da parte il suo cognome proprio per i suoi futuri piani politici, per utilizzarlo come marchio su una lista politica anche se ancora azzoppato dalla legge Severino che gli vieterebbe di candidarsi ancora alle Politiche del 2018 (e ancora più in caso di fine anticipata dall' attuale legislatura). Potrebbe essere anche quella la soluzione per mettere insieme nella lista unica forze politiche diverse che poi potrebbero aggiungere il loro simbolo originario al nome del federatore classico del centrodestra.

Ma la registrazione del marchio è aperta anche ad eventuali utilizzi commerciali, che sono espressamente indicati nella richiesta. Difficile però pensare alla commercializzazione di una copertina per neonati «Berlusconi», appena più probabile una bandana con il suo nome (prevista), o una linea di "slip sospensori", di "reggicalze da uomo", di "cavalli a dondolo", di "vaporizzatori di profumi", e ancora di "fruste", di "sedili gonfiabili galleggianti", "corni per bere", "occhi e denti artificiali", "pinzette per depilare", "gel per massaggi non ad uso medico", "sciabole", "t-shirt per animali domestici", "box veline", "flanelle per la salute", "turbanti", "cinture per sollevatore di pesi", "letti per bambole", "palle comprimibili anti-stress" e altri ancora.

Sono utilizzazioni tutte previste nella registrazione della domanda, e chissà se troveremo presto in commercio le fruste o i raggicalze da uomo «Berlusconi» e così via. Ma resta quello politico l' utilizzo più probabile, visto che nell' ultimo anno Silvio si è scatenato a registrare nomi per quella che potrebbe essere la lista unica imposta dall' attuale versione dell' Italicum. Gli ultimi depositati sono Centrodestra italiano, Centrodestra unito e Centrodestra per la libertà, ma ci sono pure Grande Italia e Italia che lavora. Ma non lo hanno convinto, e siccome il Cav è sicuro di essere il principale valore aggiunto del centrodestra, ecco la soluzione per lui ideale: il marchio Berlusconi.

Non è noto l' entusiasmo di Parisi per questa ipotesi, e nemmeno quello dei colonnelli di Fi, che comunque dovrebbero digerire la soluzione. Sicuro invece che non ne vadano pazzi Salvini e la Meloni, che dovrebbero trovare le parole giuste per spiegarlo al Cav. Facile immaginare che saranno loro i primi a magnificare come geniale il lancio dei "denti artificiali" o delle "palle comprimibili anti-stress" Berlusconi. Tutto fantastico. Basta che non pensi alla politica...

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fr4nk28

    18 Agosto 2016 - 08:08

    Ormai il marchio Berlusconi e' riassuntivo di un uomo e una famiglia di falliti bugiardi incalliti cinici e sfigati ... non c'e' bisogno di registrarlo tutti ne fuggono

    Report

    Rispondi

  • tatiana31

    18 Agosto 2016 - 00:12

    Pronta a scommettere che non pubblicherete il mio commento su questo articolo ridicolo e vergognoso di un ex giornalista passato direttamente fare il giornalaio di categoria inferiore Certo capisco...tenete famiglia!!! Ma siete dei poveracci senza né arte né parte Solo poveri ometti valore zero

    Report

    Rispondi

  • tatiana31

    18 Agosto 2016 - 00:12

    Bechis quando la finirà d'inventarmele balle gossipare da giornalaio della parte più infima Siete diventati peggio di Novella2000 con le balle che inventate Sappiate che ormai sono ben in pochi a leggervi ma sopratutto a credervi vi siete fatti una fama delle peggiori Fate pena e anche un po di nausea

    Report

    Rispondi

blog