Cerca

Ritorno alla politica

Silvio prepara il rientro: tra venti giorni alla convention di Tajani

Silvio prepara il rientro: tra venti giorni alla convention di Tajani

Pochi contatti con l' esterno, tutti molto discreti. Silvio Berlusconi ha chiesto a tutti coloro che gli stanno oggi attorno - che non avevano certo bisogno di sentirselo dire - di non dare sue notizie. Ha acconsentito che Flavio Briatore pubblicasse un suo selfie su Instagram, ma poi ha pregato pure i membri della famiglia che lo hanno raggiunto a Villa Certosa di non scattare foto, essere «discreti». Il Cavaliere prosegue la riabilitazione dopo l' operazione alla valvola aortica del giugno scorso e non voleva essere disturbato, nè apparire sui giornali.

Dalle sue vacanze è trapelato poco o niente, solo qualche contatto con Stefano Parisi e i parlamentari del suo staff.Chi se lo immagina fuori gioco per sempre, però si sbaglia. Tra venti giorni, infatti, l' ex premier tornerà a pronunciare un comizio in pubblico, a incontrare la "sua" gente.

Proprio in questi giorni il presidente di Forza Italia ha fatto sapere che intende partecipare alla Convention al Palazzo della Fonte Anticolana di Fiuggi che Antonio Tajani ha organizzato per il 9 e il 10 settembre. Ancora non è deciso se all' evento del vicepresidente del Partito popolare europeo, il Cavaliere interverrà in apertura o in chiusura, ma lo stesso giorno potrebbe presentarsi sul palco anche l' ex candidato sindaco di Milano. Anche il "consulente" per la due diligence di Fi, impegnato a organizzare la sua Convention per la settimana dopo a Milano, ha accettato l' invito.

A due passi dal palazzetto dove l' Msi diventò An, l' ex premier tornerà a dare la linea, aprirà la campagna per il no al refendum. Nonostante le polemiche di un tempo contro Angela Merkel e le frizioni con il Ppe quando era al governo, il Cavaliere ha sempre curato i rapporti con la dirigenza del raggruppamento dei conservatori europei, specie col presidente del Ppe Joseph Daul, che lo è andato anche a trovare a Palazzo Grazioli. Quest' ultimo avrebbe promesso al presidente di Fi sostegno nel ricorso che il Cavaliere ha fatto alla Corte europea dei diritti dell' uomo contro la condanna che lo ha portato alla decadenza da senatore. Si muovono, però, anche i critici di Parisi. Ieri al Caffè della Versiliana si sono intrattenuti a lungo prima Paolo Romani e Giovanni Toti, poi loro con Roberto Maroni. I primi due guidano la fronda di Fi contro Mr Chili, il terzo - seppur leghista -, lo stima. «Abbiamo progetti...», taglia corto Toti.

di Paolo Emilio Russo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angeli1951

    20 Agosto 2016 - 14:02

    Sì! schifani (un nome e un programma) lo aiuterà a riprendere il perduto elettorato!

    Report

    Rispondi

  • Leopard47

    20 Agosto 2016 - 09:09

    grande SILVIO spero che riesci a sistemare le cose perché siamo messi molto male, solo la tua grande volontà potremo uscire da questo sudiciume che e diventata l'Italia. attento a non commettere gli errori del passato e lascia da parte i traditori perché se lo anno fatto una volta lo faranno anche una seconda, un grande augurio e tanta forza che solo tu puoi farcela.

    Report

    Rispondi

  • placidoolivieri

    20 Agosto 2016 - 09:09

    Toti. Aspirante a ciò che mai sarà in grado di essere.

    Report

    Rispondi

  • luigin54

    20 Agosto 2016 - 06:06

    ecco un vecchio RINCOGLIONITO con un piede nella fossa che crede ancora che gli ITALIOTI siano STUPIDI da votarlo. PATETICO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog