Cerca

Toghe all'assalto

Berlusconi, De Gregorio: "Non sono stato costretto a parlare dai pm"

Il senatore smentisce il Cav, secondo il quale fu ricattato dai giudici. E Romano Prodi rincara: "Attentato alla democrazia"

Sergio De Gregorio

Sergio De Gregorio

La strategia di accerchiamento delle procure nei confronti di Silvio Berlusconi può ora avvalersi anche del supporto del protagonista dell'ultimo caso: Sergio De Gregorio, colui che, secondo le toghe napoletane, avrebbe ricevuto dall'entourage del Cavaliere dei soldi in cambio della sua sfiducia al governo Prodi II. L'ipotesi ora viene rafforzata dalla confessione dall'ex senatore dipietrista, che avrebbe sottoscritto la circostanza a verbale. 

Così De Gregorio - La confessione, secondo Berlusconi, sarebbe però stata estorta a De Gregorio dalla procura partenopea con il più classico dei ricatti: "O ci dici qualcosa contro Berlusconi o vai in galera". In una nota inviata alle agenzie, il presidente del movimento Italiani nel Mondo ha però smentito la ricostruzione fatta dall'ex-premier: "In relazione a notizie di stampa dalle quali si apprende che sarei stato 'costretto dai pm' a rendere dichiarazioni accusatorie contro l'onorevole Berlusconi, mi corre l'obbligo di precisare che la mia scelta di sottopormi ad interrogatorio è stata il frutto di una mia libera determinazione".

Prodi a gama tesa - Sulla vicenda è intervenuto anche la vittima della presunta compravendita dei senatori, Romano Prodi, che al Tg1 ha dichiarato: "'E' un episodio tristissimo, se le cose sono cosi' si tratta di un vero attentato alla democrazia, io esigo chiarezza perche' non si puo' cambiare la storia di un Paese con l'acquisto dei parlamentari''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Beppe.demilio

    08 Maggio 2014 - 05:05

    Scandaloso! Prodi parla di attentato alla democrazia da parte di Berlusconi e di lui cosa dobbiamo fare e dire visto ciò che ha fatto dell'Italia e della sua Europa? Stia zitto e si ritenga fortunato perché ciò che ha fatto lui non è solo un attentato alla democrazia ,è TRADIMENTO ! La fortuna di Prodi ,e di tanti altri come lui, è Berlusconi ,fino a quando respira possono dormire sonni tranquilli

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    07 Maggio 2014 - 23:11

    de gregorio e' talmente in buona fede che quei soldi li aveva persino dichiarati nel reddito.........o no?????? in quanto a prodi quella donazione immobiliare alla prole poco prima di cambiare la legge e' senzaltro segno di grande onesta .....o no???? FALSI UNO PEGGIO DELL' ALTRO

    Report

    Rispondi

  • fiorgio

    07 Maggio 2014 - 23:11

    Questi sono tutti una massa di ipocriti, da De Gregorio, a Prodi, lo sanno anche i sassi che a fare cadere il governo prodi, è stato un signore chiamato "San Mastella", è uno schifo a vivere in questa italia di bugiardi.

    Report

    Rispondi

  • antari

    03 Marzo 2013 - 13:01

    De Gregorio e' stato corrotto da Berlusconi, non so se con 3 mln o forse piu'. Poi ha voluto altri soldi, che Berlusconi NON gli ha dato, non avendo piu' interesse. Allora De Gregorio ha cominciato a parlare... Silvio gli fara' avere quello che deve, e infine De Gregorio, soddisfatto, ritrattera'.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog