Cerca

La riforma

Schiaffo ai dipendenti pubblici: la pagella. Così adesso potranno essere licenziati

Schiaffo ai dipendenti pubblici: la pagella. Così adesso potranno essere licenziati

I dipendenti pubblici avranno presto una pagella con la quale sarà valutato il loro lavoro ed eventualmente anche la tenuta del loro posto di lavoro. Avanza un po' a fatica la riforma della Pubblica amministrazione voluta dal governo di Matteo Renzi che porta un giro di vite sui soldi distribuiti a pioggia finora a funzionari pubblici e dirigenti. Con il decreto approvato in via preliminare i dirigenti resteranno in carica quattro anni, rinnovabili una sola volta per due anni, ma solo in caso di buoni voti.

La carriera del dipendente pubblico con almeno tre anni di servizio passerà per una selezione sulla quale vigileranno tre commissioni, una statale, una regionale e una locale. Per i super-capi, i 524 direttori generali della Pa, l'ingresso sarà più soft, godranno di una corsia preferenziale negli interpelli a quanti hanno maturato la prima fascia, cioè quelli con cinque anni di servizio. Quando l'incarico sarà scaduto però non ci saranno rinnovi automatici, ma tutti dovranno passare attraverso una nuova selezione.

Il sistema di valutazioni sui singoli dirigenti andrà così a creare un mercato interno nel quale poter scegliere quelli con i voti migliori. Chi non dovrà superare la sufficienza alla fine del ruolo svolto avrà un anno di tempo per trovare un nuovo incarico. Passato questo periodo perderanno il posto. In quel caso comunque il dirigente può sempre salvare il suo posto di lavoro, ma puntando a ruoli di fascia più bassa, anche nella stessa amministrazione nella quale ha fallito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    27 Agosto 2016 - 23:11

    per me sarebbero da licenziare tutti e rifare i concorsi con una commissione straniera, visto che qui sono tutti corrotti o corruttibili, forse meno del 5 % tornerebbe al suo posto, o un altro posto nella pubblica amministrazione. sono una vergogna MONDIALE, a livello della libia o del corno d'africa. mi vergogno di essere definito italiano, preferirei non esserlo solo per questi statali.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    27 Agosto 2016 - 11:11

    ...vorrei vedere quanti accetteranno il declassamento,il demansionamento,il trasferimento senza ricorrere al TAR!!...nel privato si fa prima con l'incentivo di buonuscita consensuale!!!

    Report

    Rispondi

  • francoruggieri

    27 Agosto 2016 - 10:10

    Ma come "tre commissioni, una statale, una regionale e una locale": significa che non se ne farà nulla. Leggendo il titolo ci avevo sperato... Sapete che se si facessero le cose seriamente, il 20% degli impiegati fancazzisti pubblici si riuscirebbe a licenziare, con un risparmio ANNUALE di 25 - 30 miliardi? Altro che il tira e molla su un milione di euro del bilancio statale!

    Report

    Rispondi

  • exbiondo

    26 Agosto 2016 - 19:07

    seeee. le tre commissioni dovranno andare a "vigilare" con i borsoni più capienti che hanno, vedi mai non bastassero le tasche

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog