Cerca

Il progetto

Arriva il partito degli islamici italiani. Chi lo ha lanciato e cosa farà

Il

Sta per essere lanciata a Roma la Consulta islamica italiana sulla spinta dell'iniziativa di Hamza Roberto Picardo, italiano convertito all'islam e grandi animatore degli islamici italiani. L'idea però, secondo quanto riporta il Tempo, sarebbe solo il preludio per un passo ben più grande che frulla nella testa di Picardo: fondare un partito di ispirazione islamica. A creare non poco scompiglio nella già frastagliata comunità islamica italiana è stato un post pubblicato sul profilo Facebook di Picardo, datato 24 agosto.

Sul web, l'attivista aveva spiegato quanto necessaria fosse la sua iniziativa: "Il fatto di essere minoranza oppressa e quotidianamente minacciata - ha scritto - non può essere fonte di diritto. In tal modo si giustificherebbero le leggi razziali del 1938. In quel tempo gli ebrei, tutti gli ebrei, erano considerati potenzialmente nemici dello Stato e della Nazione (allora non si diceva Paese). Se accettassimo, in nome della contingenza internazionale e delle guerre in corso, una limitazione dei diritti costituzionali, tradiremmo lo spirito stesso della Carta fondamentale della Repubblica, noi stessi e i nostri figli".

Picardo è sempre più convinto che i tempi siano maturi perché anche gli islamici abbiano un accordo con lo Stato, sulla falsa riga dei Patti lateranensi per i cattolici: "Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l'ordinamento giuridico italiano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze". Ed è qui che cade a pennello il suo progetto, visto che non esiste un'organizzazione unitaria che metta insieme tutti i musulmani in Italia.

Il modello a cui si ispirerebbe il nascente partito islamico sarebbe quello del Movimento Cinquestelle di Beppe Grillo, con un reclutamento di attivisti attraverso il web. L'obiettivo più immediato punterebbe quindi a raggiungere un numero di iscritti accettabile per essere considerati rappresentativi dei musulmani italiani. Il movimento diventerebbe così un partito pronto per presentarsi alle prossime elezioni. L'idea non ha accolto però particolari entusiasmi, a cominciare dall'Ucoii che teme di farsi scavalcare, se non addirittura cancellare da questa iniziativa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    29 Settembre 2016 - 18:06

    come ateo rispetto tutti, ma comprerò un corano per utilizzare nel cesso, come reciprocità e rispetto... inoltre se arriveremo a questa pazzia, non tarderà a scorre sangue in quanto con questa religione di ODIO e VIOLENZA non sarà possibile alcun dialogo, è in atto una guerra di religione sommersa,ma che fà vittime reali

    Report

    Rispondi

  • lella64

    04 Settembre 2016 - 12:12

    Ecco cosa serve il buonismo e l'accoglieza ......a farci inculare dai mussulmani....grazie renzi ,alfano e company.speriamo che i primi siate voi e relative famiglie

    Report

    Rispondi

  • lucyrrus

    04 Settembre 2016 - 11:11

    I pidioti non ci sono ancora arrivati : poveretti ! Hanno corteggiato e corteggiano gli islamici nella speranza di ottenere da loro il voto in sostituzione degli italiani che escono dal PD , nella certezza ( poveri ingenui) che non fonderanno mai un partito islamico. Tra poco i pidioti saranno serviti!

    Report

    Rispondi

  • FabiettoFJ

    04 Settembre 2016 - 10:10

    Giuliana Cenci, anche io sapevo di questa sentenza ma siamo in Italia e quello che mi fa paura sono le parole della terza carica dello Stato :" Presto lo stile di vita dei migranti (comprensivo quindi anche degli islamici) sarà lo stile di vita di molti di noi". LEI ESCLUSA........OVVIAMENTE.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog