Cerca

Il caso a Roma

Bufera Cinquestelle, la Raggi ora confessa: "Sapevamo da luglio": le carte che la inguaiano

Bufera Cinquestelle, la Raggi ora confessa: "Sapevamo da luglio": le carte che la inguaiano

Virginia Raggi sapeva da metà luglio che l’assessore all’ambiente Paola Muraro era iscritta nel registro degli indagati. A renderlo noto è stato lo stesso sindaco di Roma davanti alla commissione Ecomafie rispondendo ad una domanda di un commissario, precisando che «a mia conoscenza, oggi 5 settembre non c’è nessun avviso di garanzia» a carico della Muraro. «Verso fine luglio, tra il 19 e la fine del mese di luglio, ho saputo del fascicolo aperto sull’assessore Muraro ma tuttavia sono ancora in attesa di conoscere le carte. Al momento - ha precisato - c’è un fascicolo ma non si sa nulla» e anche se si sa che l’assessore è indagata in relazione all’articolo del codice ambientale 256, Raggi ha osservato: «Ma è molto generico. Si tratta di una contestazione generica e non c’è ancora nessun avviso di garanzia. Abbiamo fatto questa valutazione in una riunione anche con l’ex capo di Gabinetto, osservando che la contestazione è troppo generica per capire di cosa stiamo parlando. Appena sapremo meglio prenderemo provvedimenti» ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miraldo

    05 Settembre 2016 - 19:07

    Classica incapace in cerca della poltrona e della telecamera come tutti i componenti del M5s......

    Report

    Rispondi

blog