Cerca

La sindaca non molla

Il video della Raggi, la sfida finale: schiaffo a Grillo, è il caos

Virginia Raggi

Virginia Raggi non molla. Si difende, colpo su colpo, continuando - per inciso - a disattendere quelle che sarebbero le richieste del Direttorio M5s e di Beppe Grillo. Su Paola Muraro, l'assessore all'Ambiente indagata, non molla: chi chiede le sue dimissioni, non le otterrà. Almeno per ora. Una linea, quella della sindaca di Roma, che se possibile sta facendo ulteriormente salire la tensione nel Movimento 5 Stelle. Tensione talmente alta che nel vertice che si è tenuto a Nettuno, alle porte di Roma, con Grillo e il direttorio, la grande assente era proprio la Raggi.

La sindaca, da par suo, si è difesa con un videomessaggio postato su Facebook in cui, afferma, "voglio spiegare con semplicità cosa è accaduto o, meglio, cosa sta accadendo". La Raggi spiega che "vogliamo leggere le carte" relative al caso Muraro e che "siate certi che nel caso ravvisassimo profili di illiceità, agiremmo di conseguenza. Sconti non ne abbiamo mai fatti a nessuno e continueremo a non farli". E ancora: "Saranno i pm a decidere se c'è una ipotesi di reato o si va verso una richiesta di archiviazione. Non i partiti o qualche giornale".

Dunque, un passaggio che sembra un messaggio rivolto proprio a Grillo e a quel Direttorio M5s che sta facendo pressioni per rimuovere la Muraro: "Intanto, l'assessore deve continuare ad impegnarsi per ripulire la città. E si metta fine alle polemiche". La sindaca, insomma, vuole che l'assessore resti al suo posto. Nel frattempo, però, ha dovuto cedere su Raffaele Marra, l'ormai ex vice capo di gabinetto che "sarà ricollocato in altra posizione". Quest'ultima notizia è arrivata direttamente dal blog di Grillo, in un post scriptum a un intervento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TOMMA

    07 Settembre 2016 - 21:09

    In questo caso le dico brava.

    Report

    Rispondi

blog