Cerca

Serpenti

Chi è la "talpa" nel M5s: "Vuole fare fuori la Raggi". Il big sotto accusa / Guarda

Una talpa dentro al MoVimento: il tradimento, ecco chi ha passato le famose mail ai giornali

Una delle più pure del Movimento, la pasionaria che ha sempre difeso a spada tratta le posizioni pentastellate, secondo alcuni sarebbe una "doppiogiochista". Su Paola Taverna pende il dubbio che sia stata proprio lei a inguaiare Luigi Di Maio, passando agli organi di stampa la famosa mail che inchioda la posizione del Vicepresidente della Camera: lui sapeva che la Muraro era indagata, ma non ha fatto un fiato. Un sospetto che la Taverna scaccia con rabbia, annunciando querele a chi lo affermerà. 

Il 3 agosto, la senatrice Taverna informò Di Maio via sms che "il 335 non è pulito", ovvero che l'assessore era indagato. Il giorno successivo, il 4 agosto, la Taverna mandò una mail al Vicepresidente della Camera, in cui si legge che: "Come sai la situazione attuale è assolutamente delicata. Sempre da diverse fonti giornalistiche ci pervengono notizie circa l’imminente notifica di un avviso di garanzia all’assessore in questione per un’ipotesi di reato consistente in violazioni procedurali di verifica e controllo previste dal TU ambiente per il trattamento dei rifiuti (circola la voce che possa trattarsi di truffa). Assessore in ogni caso già indagata come risulta dalla visura ex art 335 cpp". La mail è stata pubblicata dal Messaggero: prima Di Maio disse di non averla ricevuta, e poi di averla "letta male".

Ora ci si chiede chi sia stato a divulgare sms e conversazioni tanto delicate ai giornali. Come detto, nel mirino c'è la Taverna, che avrebbe tradito Di Maio per "pulirsi" la coscienza (questa la tesi dei "detrattori"). La senatrice, ora, ha scritto un lungo post su Facebook in cui accusa chi cerca di seminare discordia in seno al movimento? "Allora ho già provveduto a far smentita pubblica a chi si è permesso di dire che sono stata io a passare mail ed sms alla stampa e sono pronta a querelare chiunque lo affermi nuovamente! Chiaro? Il Movimento 5 stelle è la mia vita e per quello che è in mio potere lotterò fino alla fine per veder realizzato quel sogno. Non riuscirete a metterci gli uni contro gli altri e chi oggi sta facendo certe insinuazioni definendosi uno del 5 stelle può trovare altra collocazione" ha scritto sul social. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Yossi

    08 Settembre 2016 - 13:01

    mentre roma aspetta, vi preoccupate delle talpe, occupatevi invece di auesti pollastrelli che non vanno oltre le beghe da pollaio dimostrando l evidenza dell incapacità e dell inesperienza

    Report

    Rispondi

blog