Cerca

Picchiata pentastellata

Caos Raggi, una tragedia per il M5s. Un sondaggio tombale: ecco le cifre

Beppe Grillo

Il giovedì, a Palazzo Chigi, è giorno di sondaggi. Ieri, però, la mail di Swg era attesa con particolare trepidazione. Si trattava, infatti, del primo rilevamento dopo il caos grillino in quel di Roma. L’attesa è stata premiata: quattro punti e mezzo. Il M5S, secondo l’analisi riservata commissionata dal governo a Swg, sarebbe passato in una settimana dal 29,5% al 25%. L’effetto Raggi, insomma, ci sarebbe. «Un tracollo così non si è mai visto», è il commento che trapela. Gli altri partiti salgono tutti un po’, anche se non di tanto. Il Pd guadagna uno 0,6%, arrivando al 31%. Cresce anche la fiducia in Matteo Renzi, che si attesta al 33%, il massimo da due anni a questa parte, si fa notare nell’entourage del premier. Ma la notizia resta il calo dei grillini.

Un calo confermato anche da altri due istituti: Ipr Marketing e Tecnè. Il segno meno davanti al simbolo del M5S pesa allo stesso modo: tre punti percentuali. Per l’istituto di Antonio Noto i pentastellati passano dal 30 al 27%; per quello di Michela Morizzo i grillini, dal 30,5% di luglio, adesso si ritrovano al 27,5%. Ed entrambi concordano sul fatto che, per la prima volta, stanno emergendo criticità da parte degli elettori nei confronti del Movimento.

Così il Pd, in affanno dopo la batosta delle Amministrative, si riallontana guadagnando, a seconda del sondaggio, dal mezzo punto al punto intero. E il distacco tra i due partiti, che a primavera pareva sul punto di colmarsi, per effetto della bufera romana che ha investito il M5S improvvisamente torna ad aumentare a favore dei dem. Non è una novità da poco, in attesa che tra meno di un mese la Corte costituzionale si pronunci sull’Italicum, ipotizzando un possibile ballottaggio proprio tra il Pd e i grillini. «Cinque punti di vantaggio non solo pochi», osservavano ieri con soddisfazione dal Nazareno.

Nicola Piepoli va in controtendenza. Il presidente dell’omonimo istituto di ricerca predica cautela: «A noi risulta che il M5S sia pressoché stabile. Alla fine di giugno era al 28%; poi è sceso fino al 27, ma adesso è risalito al 27,5%». Certo, bisogna ancora metabolizzare gli effetti del caos romano, ma Piepoli consiglia agli avversari di non farsi illusioni: «Per abbattere la Dc sull’onda di Tangentopoli ci sono voluti due anni. Non escludo che alla fine della tempesta quanto sta avvenendo a Roma non abbia alcuna influenza sull’elettorato grillino».

Piuttosto, osserva il sondaggista, i pentastellati potrebbero subire un colpo da quanto avverrà la prossima settimana sulle Olimpiadi. La giunta di Virginia Raggi pare intenzionata a confermare il ritiro della candidatura di Roma per i Giochi del 2024. «E quando i romani vedranno che le Olimpiadi le faranno a Parigi o a Los Angeles, per il M5S inizierà la discesa», profetizza Piepoli.

Il Pd studia con attenzione i numeri dei grillini anche con un occhio al referendum costituzionale. Il M5S, come testimonia il coast to coast di Alessandro Di Battista, è il principale traino del No. E un tracollo pentastellato, è la speranza di Palazzo Chigi, potrebbe avere il suo peso in una corsa che si preannuncia serrata. «In questo momento il No è in leggero vantaggio: 52% contro 48%. Il trend, però, dopo una prima fase favorevole ai Sì, adesso è favorevole agli avversari della riforma. Il voto è a rischio per il governo», sostiene Piepoli.

Parole che suonano come una conferma al fatto che anche la più piccola crepa nel fronte del No potrebbe risultare decisiva nel rush finale. Soprattutto se gli italiani dovessero effettivamente presentarsi in massa alle urne. «La mia previsione è che al referendum vadano a votare tra i 30 e i 35 milioni di elettori, con una percetuale di affluenza intorno al 70%. Una cifra immensa», osserva Piepoli.

di Elisa Calessi e Tommaso Montesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    10 Settembre 2016 - 11:11

    "La giunta di Virginia Raggi pare intenzionata a confermare il ritiro della candidatura di Roma per i Giochi del 2024." Saggia decisione.Diverrebbe l'occasione NON per esaltare lo sport di per se stesso,ma diventerebbe il momento in cui espletare al meglio l'italica arte del RUBARE.

    Report

    Rispondi

  • lupoclauss

    09 Settembre 2016 - 17:05

    L'Italia sprofonda e questi mediocri non sono capaci di nulla, litigano su tutto e non sono capaci a fare niente.Qualcuno può chiamare uno psichiatra per una visita ...? E si candidano a governare che ? Non affiderei loro neanche un condominio di ... DUE appartamenti, anzi due garages.

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      10 Settembre 2016 - 11:11

      Io non gli affiderei nemmeno il mio cane per portarlo fuori a pisciare...Altro che 2 garage.Incompetenti inconcludenti e confusionari.Ridateci Buzzi e Carminati.

      Report

      Rispondi

  • lupoclauss

    09 Settembre 2016 - 17:05

    L'Italia sprofonda e questi mediocri non sono capaci di nulla, litigano su tutto e non sono capaci a fare niente.Qualcuno può chiamare uno psichiatra per una visita ...? E si candidano a governare che ? Non affiderei loro neanche un condominio di ... DUE appartamenti.

    Report

    Rispondi

  • miraldo

    09 Settembre 2016 - 11:11

    M5s, siete degli incapaci e ladroni..............................

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog