Cerca

Un Re è per sempre

Napolitano sculaccia D'Alema & Co: "Roba surreale". Il Pd? È cosa sua

Giorgio Napolitano

Un presidente (della Repubblica) è per sempre. E quando si parla di Giorgio Napolitano non soltanto per il titolo di "emerito". Già, perché l'ex inquilino del Colle, in una lunga intervista concessa al direttore di Repubblica, Mario Calabresi, detta la linea al Pd. O meglio, al Pd dei dissidenti capeggiato da Massimo D'Alema. "Con quello che succede nel mondo e quello che ha sulle spalle l'Italia - esordisce -, è davvero surreale l'infuriare di una guerra sul referendum costituzionale".

Dunque, senza troppi giri di parole spiega che "è tempo di uscire da questo assurdo stato di belligeranza. Bocciare la revisione della Carta sarebbe un'occasione mancata, scarseggia il senso di responsabilità". Chiarissimo il doppio messaggio: agli elettori ordina di votare "sì" al referendum costituzionale; mentre al Pd ordina di smetterla di fare la guerra a Matteo Renzi.

Poi, certo, spiega che sull'Italicum, la nuova legge elettorale, "c'è da riflettere". Perché? Per non fare vincere il Movimento 5 Stelle, e lo dice con una chiarezza disarmante: "Perché rispetto a due anni fa lo scenario politico risulta mutato in Italia come in Europa. Ci sono nuovi partiti, alcuni dei quali in forte ascesa che hanno rotto il gioco di governo tra due schieramenti, con il rischio che vada al ballottaggio previsto dall'Italicum e vinca chi al primo turno ha ricevuto una base troppo scarsa di legittimazione col voto popolare". Insomma, la riforma elettorale è da cambiare non tanto per i suoi errori, quanto piuttosto per il rischio che non vinca il Pd...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    10 Settembre 2016 - 20:08

    In molti lo hanno sentito fischiettare una canzoncina di sole tre note: Mi, Sol, Re.

    Report

    Rispondi

  • Alsol

    10 Settembre 2016 - 18:06

    Napolitano chi? Il veterocomunista che nel 1956 si profondeva in elogi ai sovietici invasori dell’Ungheria? Quello che conferì l'incarico di presidente del Consiglio a Prodi, Monti (eletto anche a senatore a vita!), Enrico Letta e Matteo Renzi? Ma basta, passatelo per le armi e che faccia silenzio per sempre.

    Report

    Rispondi

  • Leopard47

    10 Settembre 2016 - 18:06

    DOVREBBE STARE IN GALERA IN UN PAESE NORMALE L'EMERITOOOOOOO FURBACCHIONE!!!!

    Report

    Rispondi

  • orione1950

    orione1950

    10 Settembre 2016 - 16:04

    Per me ha uno strano colorito; sarà perché....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog