Cerca

Dopo il gran casino di Roma

Grillo-choc, crollo drammatico: -11%. Stragode Renzi: occhio alle sue cifre

Beppe Grillo

Dopo il caso-Roma che ha travolto la freschissima giunta di Virginia Raggi hanno iniziato a circolare sondaggi piuttosto catastrofici per il M5s, alle prese con un verticale crollo di consensi. Scenario confermato dall'ultimo sondaggio Demos per Repubblica, che certifica il netto controsorpasso del Pd: il partito di Matteo Renzi torna prima forza con il 32,1% teorico di consensi, contro il 28,8 del M5s. Impressionante il crollo di consensi dei grillini, che a giugno racimolavano il 32,3% dei consensi (il Pd, al contrario, è salito di quasi 2 punti: a giugno era al 30,2%).

Ma, forse, a impressionare più di tutti è un altro dato, ed è quello relativo alla fiducia nel fatto che il Movimento possa governare a livello locale e nazionale. La doppia domanda è semplice: il M5s è in grado di governare nei Comuni in cui ha vinto? E ancora, il M5s sarebbe in grado di governare a livello nazionale? Per quel che riguarda i Comuni, oggi il 49% del campione si esprime positivamente, rispetto al 64% che registrava a giugno. Un crollo impressionante, pari al 15 per cento. Così come è significativo il crollo nella fiducia nel fatto che il M5s possa governare a livello nazionale: oggi è al 32% contro il 42% dello scorso giugno.

Chi gode, va da sé, è Matteo Renzi, che proprio nel M5s, ad oggi, ha il principale rivale politico. La fiducia nel premier è schizzata dal 40% di giugno al 44% di oggi. E ancora, gli scenari relativi ai ballottaggi. In un ipotetico secondo turno contro il M5s, il Pd si imporrebbe con il 51,7% dei consensi. Soltanto a giugno il M5s, secondo Demos, si sarebbe imposto al secondo turno con il 54,7 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lupoclauss

    20 Settembre 2016 - 05:05

    È solo normale constatare come il M5s,nato da una forte protesta popolare, non ha saputo canalizzare questa spinta dal basso in una proposta politica. Fin quanto c'è da urlare sono bravi; se c'è da protestare e fare qualche "caciara" sono bravi. Ma proposte serie e concrete per governo nazionale e locale scarseggiano. Al di là dei problemi di democrazia interna e di trasparenza sono anche divisi tra loro.La qualità dei loro "leader "è alquanto scadente così come la loro preparazione.

    Report

    Rispondi

  • leolucalabozzet

    10 Settembre 2016 - 20:08

    E' ormai chiaro l'appoggio a Renzi cosa che ci sta facendo diventare simpatici i pentastellati o grillini che dir si voglia! A meno di tre mesi dall'insediamento si sta montando una macchina del fango a cui , con tutti i problemi anche da quella parti, si sta affiancando chi dovrebbe per primo onorare l'Anno della Misericordia !

    Report

    Rispondi

  • Kallianos

    10 Settembre 2016 - 20:08

    Insomma ci si doveva aspettare un fuoco incrociato contro la Raggi. Se la Raggi riuscisse a governare Roma bene, con rigore ed efficienza, sarebbe una sciagura, in primis per il PD, poi per gli altri come Alemanno e company. Dunque tutto è proteso a farla fallire e fare di Roma la Caporetto dei 5 Stelle. Ovvio

    Report

    Rispondi

  • EhEhEh

    10 Settembre 2016 - 19:07

    Libero e' diventato peggio dell UNITA'..ma come caxxo si fa a scrivere queste minkiate....Non ho mai votato 5S ma adesso minstate facendo venire voglia di votarlo! Tutti i giornali di destra e di sinistra scrivono contemporanemente contro il M5S...se sono d accordo tutti vuol dire che il movimento da proprio fastidio...e io lo votero'

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog