Cerca

Ennesima gaffe

Virginia Raggi, oltraggio al Vaticano
Arriva la scomunica: la frase al cianuro

Virginia Raggi, oltraggio al VaticanoArriva la scomunica: la frase al cianuro

L'oltraggio, e poi la scomunica. Il tutto in poche ore. Virginia Raggi non è andata all'appuntamento in Vaticano, all'aula Paolo VI, per partecipare come previsto al Festival di Azione Cattolica "A noi la parola". Il sindaco di Roma avrebbe dovuto rispondere alle domande dei ragazzi insieme al segretario generale della Cei monsignor Nunzio Galantino.

La sindaca, fanno sapere dal Campidoglio, aveva avvertito già ieri l'Azione Cattolica giovani che non avrebbe partecipato all'incontro odierno in Vaticano per impegni personali. La prima cittadina non andrà nemmeno in Campidoglio ma oggi lavorerà da casa ai diversi dossier aperti, come quello sul nome del futuro assessore al Bilancio e quello del capo di gabinetto oltre che alle diverse emergenze della città.

"Deluso? No, lo sarei se non venissero i ragazzi". Così ha risposto Galantino varcando l'ingresso dell'Aula Nervi in Vaticano dove sta per avere l'incontro.

Ben più dure le parole dell'Osservatore romano, che dimostrano lo scarso feeling tra la Curia e il sindaco di Roma. "Nella capitale, a riprova dello stato di abbandono in cui per certi aspetti versa la città, pochi minuti di pioggia sono bastati per provocare la caduta di numerosi alberi, danneggiando alcune automobili e mettendo a serio rischio l'incolumità dei cittadini - rileva il giornale vaticano -. Molte strade, soprattutto nei quartieri meridionali, sono state letteralmente allagate a causa della mancata pulizia, ormai cronica, delle caditoie"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luimaler

    12 Settembre 2016 - 13:01

    Gli alberi a Roma prima che fosse al governo il M5S non erano mai caduti con le intemperie, e in quanto di allegamenti mai vero se si era fermata perfino senza neve dicendo che aveva nevicato molto... fatemi il piacere recitare le v/S preghiere e non rompete a chi non vuol partecipare _ libero stato Stato e libera Chiesa senza interferire .... Grazie e tutti diano a cesare quel che è di Cesare

    Report

    Rispondi

  • paolomora.pm

    11 Settembre 2016 - 13:01

    La sindaca di Roma, da poco eletta, non viene lanciata in pace nemmeno dal Vaticano (stato estero). É attaccata con vari pretesti da chi ha perso le elezioni e il controllo della città, per rabbia, invidia, odio; individui che se ne fregano della democrazia come se ne sono sempre fregati dei cittadini romani; per loro la politica é ed é sempre stato un business pro loro che mascherano con paroloni tipo "cultura, legalità, giustizia. Se perdono lo scranno di eletto o di ad o consigliere in qualche società parapubblica sono finiti perché non sanno fare nulla, altrimenti avrebbero negli ultimi 50 anni in parte risolto i problemi dei romani. Il popolo sovrano romano ha eletto secondo le regole democratiche questa signora, che va lasciata lavorare esercitando i suoi poteri legittimi, in difetto auspico l'intervento della magistratura (oramai l'unica guardiana della nostra società)contro gli ostacolatori di vario tipo che le permetta l'esercizio delle sue funzioni in tranquillità come dovrebbe essere.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    11 Settembre 2016 - 12:12

    Ha fatto bene la Raggi a disertare.....è sprecato perdere tempo con le sottane del Vaticano !

    Report

    Rispondi

  • tommaso43

    11 Settembre 2016 - 10:10

    La fede ecclesiastica è una invenzione umana, escogitato a vantaggio di un ordinamento gerarchico in cui il clero esercita una parte ben remunerato! !!! Ovvero:Siete una s.p.a. pagate le tasse e non interferire nella vita pubblica.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog