Cerca

Crimi: "No a esecutivi politici"

Crimi (M5S) apre a un governo tecnico

Beppe Grillo

Beppe Grillo

 

Il comico-leader ha ripetuto per l'ennesima volta che "non daremo la fiducia a nessuno". Poi Beppe Grillo ha preso parte alla riunione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle. Il futuro capogruppo 5 Stelle al Senato, Vito Crimi, ha poi spiegato: "Non ci ha detto niente di più che un saluto, come si fa tra vecchi amici che si rivedono dopo un po' di tempo. L'intervento di Beppe è durato massimo cinque, dieci minuti".

"No a governi politici" - Poi Crimi passa alla "ciccia", alla sostanza, e spiega quale sia la linea emersa dall'incontro capitolino degli eletti per il movimento: "Qualunque proposta alternativa al governo dei partiti noi la valuteremo. Non sta a noi individuare il governo. Non siamo la coalizione che dice di aver vinto le elezioni e sta a chi dice di aver vinto le elezioni e a Napolitano individuare il governo". Crimi risponde poi a chi chiede come voterà il Movimento su un'eventuale fiducia dei partiti: "E' una valutazione che faranno i gruppi di Camera e Senato nel corso dei prossimi giorni".

Apertura al governo tecnico - Le parole del capogruppo al Senato sembrano chiarire, almeno in parte, quale possa essere la strategia del Movimento 5 Stelle. Gli adepti del grillismo sbarcati in Parlamento sembrano intenzionati a dare il loro appoggio a un governo tecnico: è quanto si capisce dalle parole di Crimi, che chiude la porta a qualsiasi esecutivo politico. Di fatto, dopo le chiusure degli ultimi giorni a qualsivoglia proposta di maggioranza, quella del governo tecnico pare essere la prima soluzione praticabile per la formazione di una maggioranza che includa anche le Cinque Stelle.

I rimborsi - Nel suo intervento, Crimi, ha ribadito che "non abbiamo fatto richiesta di rimborsi elettorali. Noi - ha aggiunto - non li prendiamo, e per noi il discorso è chiuso qui". La capogruppo alla Camera, Roberta Lombardi, ha ribadito che "la trasparenza è nel nostro dna. Abituatevi a questa nuova modalità di fare politica".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angela70

    05 Marzo 2013 - 09:09

    un altro Monti bis?

    Report

    Rispondi

  • alvit

    05 Marzo 2013 - 09:09

    Cosa ci si può aspettare da questa gente? Nulla, lo spettinato è cosciente che in parlamento sono arrivati, anche se con molti voti, dei personaggi di cui non potrà fidarsi, a molti di questi basterà un cicchetto o una canna per cambiare idea in due minuti. Appena si accorgeranno veramente e non solo a parole, che gli altri parlamentari portano a casa una montagna di soldi e che loro dovranno tirare la cinghia, io penso assisteremo al salto delle quaglie, dopo che il cane le ha tenute in ferma. Lo spettinato è il cane e il mago il cacciatore.Vedremo a quante spareranno e quante ne butteranno giù. A mio giudizio, i grilletti, non potranno durare molto in silenzio, in parlamento si va per discutere, proporre, opporre e confermare.Chi farà tutto ciò?Lo spettinato attraverso la cam? Ma poi, lui che cacchio centra, mica è stato votato.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    05 Marzo 2013 - 00:12

    un altro governo tecnico confermerebbe la sconfitta totale di tutti i politici ed anche dei movimenti.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    04 Marzo 2013 - 20:08

    A causa dei veti incrociati dei partiti sui quali si regge , non combina nulla.L'ha detto chiaramente Monti , a proposito ad es .dell'abolizione delle province .Un governo tecnico non farà altro che proporre tasse e , mai , abolizione dei rimborsi ai partiti , tetto alle pensioni d'oro ecc.Annacquamento di qualsivoglia riforma.Grillo conta su questo per più consenso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog